Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 18,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 12 settembre 2020, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Martedì, 29 Settembre 2020

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 

A proposito di un'aggressione ai danni di un nostro simpatizzante e di una nostra compagna

  • Categoria: Articoli Online
  • Pubblicato: Mercoledì, 04 Dicembre 2019 17:40

Ai margini della manifestazione bolognese di sabato 30/11, indetta dal S.I. Cobas per denunciare il crescendo di repressione giuridico-poliziesca nei confronti dei lavoratori impegnati nelle lotte sindacali e degli attivisti delle lotte sociali, si è verificata una vergognosa aggressione da parte di una dozzina di giovani gravitanti intorno al movimento « Non una di meno » ai danni di un nostro simpatizzante, indegna conclusione di mesi di campagna diffamatoria, con la quale si è trasformato un litigio in accuse di molestie e stolkeraggio, fino ad adombrare la « violenza carnale » ! Nel corso del fattaccio, è stata anche aggredita e malmenata una nostra compagna accorsa per difenderlo.

 

Ben consapevoli degli aspetti deteriori e decadenti della violenza che molte donne subiscono da parte di mariti, fidanzati, compagni, colleghi di lavoro, e proprio perché – come rivoluzionari – siamo da sempre impegnati a combattere il sistema capitalista che ha assimilato il « patriarcato » nelle proprie forme e pratiche di dominio, non possiamo sopportare che un gruppo di giovani donne abbia fatto propri i metodi della calunnia, del sospetto, della diffamazione, dello squadrismo, tipici del « maschilismo » che loro stesse vogliono combattere. Nell'evolvere di questa vicenda, noi non lasciamo solo il nostro simpatizzante, anche se volesse difendere per altre vie la propria dignità; ma al tempo stesso ci auguriamo che questa vicenda possa servire al cosiddetto « movimento bolognese » per uscire dalle secche dell'ideologia piccolo-borghese che regredisce addirittura a una vendetta tribale intesa come « giustizia ».

Poiché quest'episodio è accaduto ai margini del corteo del S.I. Cobas, coinvolgendo per altro una nostra compagna loro tesserata, noi ci auguriamo che questo sindacato: primo, non avalli la campagna di calunnie; secondo, proprio per l'importanza della « questione femminile » all'interno del mondo sindacale, insista nell'inserire nelle proprie piattaforme e parole d'ordine obiettivi pratici e metodi concreti per combattere il maschilismo, a partire dai luoghi di lavoro e nei rapporti fra lavoratori e lavoratrici. Solo con questi metodi operativi si potranno eliminare le infiltrazioni e provocazioni piccolo-borghesi che finiscono per ostacolare il movimento reale di emancipazione delle donne proletarie.

                                                                                                                                             4/12/2019

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Avvertenze e punti di contatto:

  • Milano - La sede di Milano (via dei Cinquecento n. 25 ) cambia l’orario di apertura, lunedi ore 18 e non più alle ore 21
  • Bologna - Al momento è sospesa l’apertura al pubblico
  • Torino - Nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 21 novembre 2020, dalle 15)

 

Il Programma Comunista

Kommunistisches Programm

The internationalist

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'