Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Mercoledì, 22 Gennaio 2020

Sempre più a fondo il “Modello Nord Est”

 

Le recenti "novità" nel Nordest sono solo sviluppi di crisi già iniziate nel recente passato: la crisi Coopca e quella delle banche regionali (Bpvi e Veneto Banca, cui ora si aggiunge la liquidazione dell'austriaca Hypo Bank Alpe Adria) si sono risolte nella rovina di migliaia di soci e correntisti piccoli e medi. Gli esiti della vicenda della Popolare di Vicenza (Bpvi) sono poi da manuale: nel 2015, poco prima che il titolo crollasse a pochi centesimi, sette (7) persone fisiche e due società hanno liquidato i loro pacchetti azionari, superiori agli 8000 titoli, al prezzo di 62 euro (da notare che, non essendo quotata in borsa, il valore era stabilito dalla stessa banca). Nel frattempo le azioni venivano vendute in fretta e furia al maggior numero possibile di soci e correntisti, giocando sul "rapporto di fiducia" di lunga data (un investimento "sicuro"!). Così, 120.000 soci sono rimasti al verde, chi più chi meno: tra le vittime illustri, un grosso industriale del Vicentino che si è rammaricato non tanto per aver perso 5 milioni di Euro ("a me non cambiano la vita", ha dichiarato), ma per il fatto che ora i suoi dipendenti (che lui si pregia di… chiamar per nome) sono ridotti a chiedergli prestiti per pagare il dentista (e forse anche per non essere stato trattato con i riguardi riservati a qualche suo illustre collega…). Tra i beneficiari della lungimirante e tempestiva vendita dei pacchetti azionari, l'ex presidente della banca - un pezzo grosso dell'agroindustria che ora ha pensato bene di raggiungere il "buen ritiro" in Sudafrica, non prima però di aver intascato un compenso di oltre un milione di euro per i buoni servizi resi nel 2015. Per contro, si legge di un suo dipendente, un bracciante agricolo, che aveva ricevuto la liquidazione in azioni della Bpvi e che ora si trova probabilmente tra quelli che non si possono permettere le cure dentarie.

Così il glorioso "Modello Nordest" tramonta in un finale fra tragedia e farsa. E, con esso cade ancora una volta non solo la maschera della “comunanza d'interessi tra padrone e operaio”, ma anche quella dell'“uguaglianza di fronte alla legge”, dello Stato come del mercato. Autentici rapinatori sociali rimangono impuniti, liberi e con le tasche più gonfie ancora di denaro, mentre i rapinati devono arrangiarsi a campare più miserabili di prima. L'assemblea dei soci, per altro, probabilmente controllata da quanti hanno ancora qualcosa da perdere, ha votato contro la messa in stato di accusa dei vecchi dirigenti. Dopo la catastrofe (e dopo aver intascato compensi tra 600mila euro e due milioni e rotti), la nuova dirigenza, prodigandosi in rassicurazioni e promesse, ha tentato la trasformazione in S.p.A. e l'ingresso in borsa: tentativo miseramente fallito, nonostante le azioni fossero valutate pochi centesimi. Il Fondo Atlante, finanziato da banche private e creato appositamente per intervenire sugli istituti dissestati, ha sottoscritto il 90% dell'aumento di capitale, ma secondo alcuni il fallimento è dietro l'angolo.

Intanto, c'è abbastanza nutrimento per gli attacchi polemici di chi considera questa macelleria finanziaria il frutto di comportamenti individuali, di favoritismi interni a lobby di potere locale, di incapacità gestionale. C'è anche questo, ma alla base c'è l'essenza del sistema del credito: massima espansione delle attività (prestiti, emissione di titoli, acquisizioni) nella fase di crescita economica, esposizioni in sofferenze e bilanci carichi di titoli di dubbio valore nelle fasi di crisi e contrazione. Da qui, la corsa ad abbandonare la barca prima che affondi, da parte di affaristi senza scrupoli. In questo caso, non siamo di fronte solo alla crisi del "Modello Nordest”, ma anche e soprattutto all'ennesima conferma del declino inesorabile della borghesia come classe dominante, incapace ormai di una prospettiva che vada oltre i propri interessi più meschini e individuali: e a farne le spese sono anche membri della stessa classe borghese, decaduti e rovinati dal meccanismo inesorabile di concentrazione della ricchezza che accompagna lo sviluppo capitalistico, tanto nelle fasi espansive quanto in quelle di crisi. A sentire vicende come questa ritorna alla memoria l'esortazione di Marx a "farla finita con tutta questa merda".

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)







International Press

 

                    

            N°5-6 - 2019                              N°06-2020                              N°3 - 2019

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'