Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Domenica, 17 Novembre 2019

Di nuovo (ahinoi!) Landini…

Peccato non aver potuto aggiungere, all’articolo su Landini uscito nel numero scorso di questo giornale (“Lavori forzati”), anche questa perla, tratta da un suo intervento a un recente convegno di Fincantieri a Monfalcone (cfr. Il Sole-24 ore del 12/5). Si sa, costoro parlano, parlano, parlano, ed è difficile stargli dietro! Comunque, ecco la perla. Dice il gran capo CGIL: “Fincantieri è un grande gruppo che facendo sviluppo internazionale ha rafforzato il suo ruolo nel mondo, ma ha continuato a difendere i suoi cantieri in Italia”. Viva dunque la Multinazionale fintanto che tiene alta nel mondo la gloria industriale italica e dà lavoro ai figli della Patria! Vero è che la meritoria Fincantieri fa largo uso di manodopera immigrata in subappalto: ma è anche grazie a questo che la sua stella risplende luminosa sui mercati mondiali! Aggiungiamo, interpretando il pastone ideologico che caratterizza questa sinistra nazionale, che… meritano tutti di essere chiamati Italiani quanti vengono a farsi sfruttare qui, anche in subappalto, dalle più remote lande del mondo per la gloria del capitale nostrano. Se poi si considera che il suddetto gruppo produce anche armi e navi da guerra (quanto di più antiumano e distruttivo si possa annoverare tra i frutti della moderna industria) e navi da crociera (quanto di più stupido e dissipatorio), abbiamo un bel quadro delle priorità della “sinistra” figliata dalla lunga controrivoluzione. Per il momento, abbiamo continue conferme: certi esponenti della sinistra borghese, politici o sindacalisti che siano, sono peggio di certi fascisti dichiarati!

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

International Press

 

                   

            N°4 - 2019                              N°05-2019                              N°3 - 2019

Recent publications

 

     
       

 


Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'