Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Venerdì, 13 Dicembre 2019

Il rinnegato Kautsky

Per vari decenni, Kautsky aveva propagandato e difeso le idee della rivoluzione socialista. Oggi che la rivoluzione è arrivata, Kautsky si ritrae terrorizzato. Sconfessa il potere sovietico della Russia, assume una posizione ostile verso il poderoso movimento del proletariato comunista della Germania. Kautsky rassomiglia molto a quel maestro di scuola che per anni e anni continua a ripetere ai suoi scolari tra le quattro mura di un’aula ammuffita una descrizione della primavera e poi, al crepuscolo della sua carriera di pedagogo, inciampa nella natura al sopraggiungere della primavera, non è capace di riconoscere la primavera, è preso dalla frenesia (nella misura in cui la frenesia si addice ai maestri di scuola) e comincia a dimostrare che nella natura sta prevalendo il massimo disordine, cioè che la vera primavera non è affatto tale e quello che sta accadendo è contrario alle leggi di natura. Meno male che gli operai non stanno ad ascoltare i pedanti più autorevoli, ma preferiscono ascoltare la voce della primavera! Noi discepoli della filosofia tedesca, discepoli di Marx, restiamo convinti, al pari degli operai tedeschi, che la primavera della rivoluzione fiorisce in completo accordo con le leggi della natura e contemporaneamente con le leggi della teoria di Marx, dato che il marxismo non è una bacchetta per maestri di asilo al di sopra della storia, ma un metodo di analisi sociale delle vie e delle forme dello sviluppo storico reale.

(L. Trotsky, Ai compagni della Lega di Spartaco, 9 marzo 1919)

International Press

 

                   

            N°5-6 - 2019                              N°05-2019                              N°3 - 2019

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'