Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 18,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 12 settembre 2020, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Giovedì, 06 Agosto 2020
DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 

 

L’economista Joseph Stiglitz e l’eterna cantilena socialdemocratica

  • Categoria: n. 01, gennaio-febbraio 2020
  • Pubblicato: Mercoledì, 05 Febbraio 2020 21:52

L’intervista su la Repubblica del 7 novembre con l’economista Joseph Stiglitz, Premio Nobel 2001 per l’economia, sottolinea il profilo accademico di un personaggio “molto polemico”, che sconfina nei… “territori proibiti del socialismo”, presentato dalla stampa di natura economica come un “critico della globalizzazione, del neoliberismo e fautore di un capitalismo progressista”. Stiglitz proviene dalla “sinistra sociale” statunitense ed è uno dei più noti rappresentanti di questa corrente politica americana: “Se non aggiustiamo – dice lui! – il capitalismo saremo travolti dalle disuguaglianze sociali crescenti e da un sistema incontrollabile, diretto a scontrarsi con il populismo”.

Al contrario, le manifestazioni di lotta sociale che da anni investono aree diverse del mondo, da quelle più arretrate a quelle più sviluppate, prodotte dallo stato generale di malessere e di miseria, chiedono l’intervento urgente della lotta proletaria di classe, non certo del vecchio riformismo: e solo il diktat imposto dalla dittatura proletaria potrebbe mettere ordine al disastro dell’economia ereditata dal dominio borghese, sempre più distruttivo. Ma Stiglitz pretende, monotona cantilena riformista, che “gli Stati abbiano norme capaci di limitare il potere delle aziende, che usino investimenti pubblici, che aumentino l’efficienza per ottenere più produttività, che utilizzino un sistema fiscale progressivo, che usino un welfare state che non si risolva in un’assistenza sociale”: che intervengano insomma nelle contraddizioni sociali da “bravi aggiustatori”.

Il mercato globale, di cui si parla insistentemente in questi ultimi decenni, è ormai al centro della scena, mentre l’economia borghese, in condizioni di indebitamento generale, vive al limite del collasso. Le illusioni   e allusioni stataliste fanno di Stiglitz un vero e proprio sopravvissuto, il cui scopo è quello di voler rinverdire, nel buio di questo inverno, l’albero spoglio della socialdemocrazia. Dall’intervista del quotidiano emerge il carattere di una “vocazione antistorica”: Stiglitz pensa di riportare alla luce il ruolo dello Stato come “regolatore, investitore, distributore e risolutore”. Occorre, dice, “dopo un lungo periodo di neoliberismo, di trionfo del mercato sullo Stato, invertire il processo, cambiare tutte le modalità dell’attuale vita sociale, liberarci delle politiche globali macroeconomiche, ripudiare la favola inventata dai signori delle finanze”: ci vuole insomma un nuovo “contratto sociale”, nel quale “si riconosca che l’attuale diseguaglianza sociale è la vera causa che frena l’attuale crescita economica”.

Stiglitz non può capire che, viceversa, è il processo di accumulazione capitalistica a generare quella che Marx chiama “miseria crescente”. Perso tra gli spiriti del mercato e quelli legalitari dello Stato, il “nostro” economista non può che ripetere all’infinito il vecchio ciarpame riformista. Gli “spiriti selvaggi” del capitale, a detta del vecchio Adam Smith, risolverebbero la relazione dialettica fra produzione e consumo: “basterebbe assecondare, liberalizzare, globalizzare bisogni e consumi senza intralci, senza interventi esterni, senza barriere statali, senza organizzazioni sindacali, senza speculatori, senza protezionismi e la natura stessa del processo economico tenderebbe verso lo sviluppo e l’accumulazione del capitale”. Gli “spiriti legalitari” del Capitale, introducendo nuove regole al sistema, lo condurrebbero ad uno stato di equilibrio e di stabilità. Come si sa, i classici dell’economia borghese, da Smith a Ricardo, ritenevano, al contrario, che non si possono impedire le crisi economiche. L’uso dei mezzi di controllo e degli accordi fra Stati, come soluzione, non permetterebbe affatto di riportare il processo produttivo all’equilibrio. Il sistema capitalistico mostra, proprio con le crisi e a dispetto di tutte le cosiddette “leggi economiche” quantitative, la connessione dialettica tra merce e denaro: mostra in vero il suo proprio fallimento, perché esso porta in sé i caratteri dell’autodistruzione. Il vulcano della produzione non consente sosta e il mercato, comunque esso sia costituito, spinto dal motore della crescita tende a sprofondare nella palude sociale.

Per Stiglitz, “serve un equilibrio migliore fra Stato e mercato”. Vana illusione! Le distinzioni politiche tra destra e sinistra, tra libertà e uguaglianza, tra riformismo e fascismo, restano dentro il rigido cerchio della dittatura della borghesia. Solo la dittatura del proletariato, sotto la direzione del partito di classe, potrà portare la rivoluzione proletaria verso il comunismo. La produzione di merci condurrà di necessità la dinamica economica verso quel limite estremo rappresentato dal capitale stesso: lo stato di moto tenderà per sua natura obiettiva a incepparsi e a uscire comunque dallo stato d’inerzia. Comunque, ci si troverà di fronte a quel che è successo in questi ultimi quarant’anni: aziende in crisi di sovrapproduzione, banche che crollano, crisi finanziarie e un ambiente naturale e sociale devastato. Il rapporto fra Stato, mercato e crescita economica dipende da una moltitudine di fatti: ma, guardando il percorso di un secolo, mettere insieme Stato e mercato non ha salvato il sistema dalle crisi di sovrapproduzione, così come non lo ha salvato dalla caduta del saggio medio di profitto; la “mano invisibile” del mercato, la contrapposizione dialettica tra interesse personale e interesse generale, la deificazione dei mercati finanziari e la necessità di aumentare il saggio del profitto, non hanno migliorato le condizioni sociali esistenti: le hanno spinte invece verso il baratro. La Storia non concederà molto altro tempo ancora al modo di produzione capitalistico: a meno che esso ricorra a un ennesimo bagno di sangue mondiale...

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Avvertenze e punti di contatto:

  • Milano - La sede di Milano (via dei Cinquecento n. 25 ) cambia l’orario di apertura, lunedi ore 18 e non più alle ore 21
  • Bologna - Al momento è sospesa l’apertura al pubblico
  • Torino - Nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 12 settembre 2020, dalle 15)

 

Il Programma Comunista

Kommunistisches Programm

The internationalist

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'