Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 18,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 12 settembre 2020, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Martedì, 29 Settembre 2020

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 

Non dimentichiamo che cos’è il Primo Maggio!

  • Categoria: n. 02-03, marzo-giugno 2020
  • Pubblicato: Lunedì, 20 Aprile 2020 23:14

Per noi, il Primo Maggio non è mai stato un semplice ricordo, un anniversario rituale o una “festa”. Al contrario, è sempre stato un appello alla lotta che riassume in sé la storia e l’esperienza del proletariato mondiale e le proietta nel futuro: un futuro per conquistare il quale bisogna lottare con le unghie e con i denti, perché non ci cadrà in mano come una pera matura.

Tanto meno oggi, 2020, il Primo Maggio è una “festa”. Le vicende legate alla pandemia di Covid-19 hanno mostrato una volta di più la ferocia della società di classe, della società del Capitale. In centinaia e centinaia di migliaia di luoghi di lavoro in giro per il mondo, rimasti aperti e privi delle più elementari misure di sicurezza mentre il resto veniva chiuso “nell’interesse di tutti”, i lavoratori e le lavoratrici sono stati trattati come carne da macello. Si dimostra nei fatti che questo modo di produzione, retto dalle leggi del profitto, della competizione e dello sfruttamento, non solo è incapace di risolvere le contraddizioni che esso stesso produce: l’uso che, ovunque in queste settimane, è stato fatto della pandemia e dell’emergenza, della malattia e della medicina, proclama anche, a chiare lettere, che non è vero che “siamo tutti sulla stessa barca”!

 

Ripetiamolo ancora: non è il virus la causa della crisi. I funzionari del Capitale stanno usando il virus per accelerare l’introduzione di misure antiproletarie che la crisi economica, già diffusa ben prima dello scoppio della pandemia, impone a difesa di chiari interessi capitalistici. Approfittiamo dunque di questo ennesimo lutto proletario (perché di questo si tratta: un generalizzato omicidio di classe) per cercare di aprire “un anno” di lotte, non solo salariali. Prepariamoci a boicottare tutte le misure di solidarietà “sociale” e nazionale che vengono e verranno introdotte: proprio perché “siamo in una situazione di emergenza", ovunque sia possibile rispondiamo alle riaperture dei luoghi di lavoro, nel totale disprezzo per la salute di proletari e proletarie, con lo “stare a casa”, con il mettersi in malattia, con l’astenersi dal lavoro attraverso la tattica dell'assenteismo, con lo sciopero che imponga la chiusura. Non come scelte e iniziative individuali o settoriali, ma come risposta organizzata al ricatto padronale e statale!

Ci vorranno imporre di tornare al lavoro per “ricostruire l’economia nazionale”. Ci impediranno di tenere assemblee, riunioni, cortei, denunciandoci, se lo faremo, per “epidemia colposa”, se non addirittura per “adunata sediziosa” o per “sommossa”. Ci accuseranno di boicottare lo “sforzo nazionale” e ci manderanno contro sbirri in tenuta da sommossa, mezzi corazzati, elicotteri e droni, magistrati e giudici, il potere legale e illegale dello Stato. Rispondiamo che l’“economia nazionale”, l’“economia del Capitale”, non è cosa che ci riguardi – anzi, la combattiamo perché è alla radice di tutte le tragedie che ci stanno massacrando, dall’attuale pandemia alla continua distruzione dell’ambiente, dalle stragi mai cessate di migranti alle periodiche, immani distruzioni di preziose energie umane collettive, e alle guerre sanguinose che preludono a un nuovo devastante conflitto mondiale... Questa è la loro democrazia dittatoriale o dittatura democratica, ereditata direttamente dai precedenti regimi anti-proletari!

Dovremo quindi organizzarci sempre più e sempre meglio per farvi fronte. Dovranno rinascere organismi territoriali di lotta e di difesa, che si facciano carico di tutti gli aspetti delle condizioni di vita e di lavoro (o di non-lavoro) dei proletari, senza distinzioni di età, sesso, origine, collocazione economico-sociale, e che non si perdano in devastanti gelosie corporative o dannose schermaglie ideologiche: la loro presenza diffusa e attiva, la loro capacità di rispondere agli attacchi del Capitale fuori e contro l’azione disgregatrice dei sindacati di regime, costituiranno il necessario e utile allenamento per passare dalla difesa all’attacco. Ma per questo, per evitare che questo passaggio si traduca in una nuova, dolorosa sconfitta, sarà necessario il rafforzamento e radicamento, a livello mondiale, del partito rivoluzionario, l’organo necessario alla classe proletaria per farla finita con questo infame modo di produzione ormai solo distruttivo e assassino e imboccare la via della rivoluzione, della presa del potere, dell’instaurazione della dittatura proletaria – verso la società finalmente senza classi, verso il comunismo.

Ecco che cos’è il Primo Maggio.

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Avvertenze e punti di contatto:

  • Milano - La sede di Milano (via dei Cinquecento n. 25 ) cambia l’orario di apertura, lunedi ore 18 e non più alle ore 21
  • Bologna - Al momento è sospesa l’apertura al pubblico
  • Torino - Nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 21 novembre 2020, dalle 15)

 

Il Programma Comunista

Kommunistisches Programm

The internationalist

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'