Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Mercoledì, 01 Aprile 2020

Egitto: continua la lotta dei tessili di Mahalla (Il programma comunista, n°6, 2007)

 

 

Nel numero scorso di questo giornale, avevamo dato un certo risalto alla vittoria dei lavoratori tessili della fabbrica di Mahalla, a nord del Cairo, alla fine di una lunga lotta durata più di un anno. Avevamo concluso scrivendo: “Ma non ritirino la guardia i lavoratori! Si aprirà da questo momento la risposta politica dello Stato: diffamazione, controlli, arresti individuali e di gruppo. Ricordino i lavoratori più combattivi che l’organizzazione della lotta di difesa economica, indipendente dai padroni e dallo Stato, è solo una prima parte del compito. Senza l’organizzazione in Partito la classe non potrà consolidare la vittoria che oggi ha ottenuto”. Puntuali sono arrivati, contro i lavoratori combattivi, prima azioni continue di disturbo, con la collaborazione attiva dei sindacati di Stato, poi i licenziamenti, come riferisce il Manifesto del 8/11: “Me lo aspettavo, dice uno dei leader della lotta, si stanno vendicando, gli aumenti promessi sullo stipendio base e il bonus di produzione pari a 90 giorni lavorativi sono arrivati con il contagocce”. Per la difesa delle condizioni di vita (di vera miseria: 50 euro mensili), la lotta non può che riprendere. Non resta che tornare in strada a manifestare, confermano gli operai, che si preparano per metà dicembre a uno sciopero a oltranza, a un anno dalle prime sollevazioni. Ma la situazione è priva di prospettive concrete, non si potrà resistere a lungo, le organizzazioni sindacali statali si stanno già preparando a controllare e sabotare qualsiasi forma di lotta. L’unico sostegno concreto è quello dei lavoratori del vicino polo industriale di Kafr Dawar. La pressione intanto si fa sentire in forma pesante con l’annuncio che presto la fabbrica sarà privatizzata. Raccontano gli operai che diverse industrie europee hanno fatto la spola all’interno dei reparti e si fa circolare la notizia che la privatizzazione implicherà massicci licenziamenti, per cui mettersi in pensione è l’unica alternativa rimasta prima della tempesta. Che la situazione sia arrivata a un punto critico per le industrie di Stato è ormai chiaro ai 27000 tessili di “Gazl Mahalla”, il fiore all’occhiello dal tempo di Nasser, i cui macchinari “sfornano abiti, che la popolazione locale e gli operai stessi non possono permettersi, in quanto occorrerebbe un quarto del salario per comprarne uno (10-11 euro)”. Meglio partire, dicono, ma andare in Italia costa 2600 euro, gli usurai (islamici !) stanno facendo un sacco di quattrini, solo facendo diversi lavori e lavorando 14-15 ore al giorno è possibile pensare di pagare una simile cifra. Oggi, la “politica liberista egiziana” è in piena sintonia con il Fmi e della Banca mondiale, è già stato venduto o messo in vendita tutto ciò che era possibile cedere. La crescita del 7% conferma il processo di aggressione alle condizioni di lavoro, gli investimenti dall’estero in 5 anni (dal 2002) sono passati da 450 milioni di $ a 11 miliardi. La polarizzazione in alto della ricchezza ha spinto la povertà dal 16% al 19% (coloro che vivono con 1$ al giorno), la miseria (coloro che vivono con 3-4$ al giorno) è passata invece dal 30 al 40 % della popolazione. L’inflazione ufficiale dell’8% (in realtà al 25%) divora qualunque aumento di salario e abbassa le già ridotte condizioni di esistenza. Cresce anche la disoccupazione: la politica di privatizzazioni e di tagli dei rami secchi, in tre-quattro anni, ha portato alla perdita di 650.000 posti di lavoro. Giunga ai proletari di Mahalla la nostra solidarietà di classe, nell’attesa che il fronte di classe si allarghi non solo in Egitto, ma soprattutto nelle metropoli imperialiste.

Partito Comunista Internazionale
(il programma comunista n°06 - 2007)

Incontri pubblici in evidenza

  • Berlino  : «Umweltkrise und kapitalistische Krise - Grüner Kapitalismus ist keine Lösung! », 13.02.2020, 19h, c / o K9, Kinzigstraße 9, Berlino-Friedrichshain
  • Milano  : «Continuità della repressione delle lotte economiche e sociali, da un governo all'altro», 22.02.2020, 16h, c / o Libreria Calusca, via Conchetta 18, Milano  (MM 2 Romolo, Bus 91)
  • Bologna -  Nuovo punto di incontro per lettori e simpatizzanti - Via Marzabotto, 2 - c / o Ass. 20 Pietre (26 gennaio - 16 febbraio - 15 marzo) dalle ore 15 alle ore 19
  • Torino -  Prossimo incontro a Torino 29-02-2020, dalle 15,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34

International Press

 

                    

            N°1 - 2020                              N°06-2020                              N°3 - 2019

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'