DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco.

È dalla fine della Seconda guerra mondiale (il secondo massacro inter-imperialista, per essere più precisi) che il Capitale non ha smesso di insanguinare il pianeta, oltre a metterlo a soqquadro con i suoi veleni e le sue necessità di auto-valorizzazione. L'elenco delle guerre piccole e grandi che si sono succedute da allora è impressionante e dimostra, anche solo con le nere parole scritte e stampate, che il suo dominio da tempo è solo una lunga agonia distruttiva, un bagno di sangue che cresce e dilaga anno dopo anno. Quello che succede in Ucraina è l'ultimo “episodio” in ordine di tempo: ma un “episodio” che, per dimensioni e implicazioni, può solo fungere da anticamera ad altri, fino allo scoppio di un terzo massacro inter-imperialista di dimensioni mondiali.

Solo la forza del proletariato, la stessa classe che viene sacrificata in battaglia e nelle retrovie, può fermare questo scempio sanguinoso. Per ritrovare questa forza, due condizioni sono indispensabili: che il proletariato riconquisti finalmente, sul campo delle molte battaglie che è costretto a combattere per sopravvivere, un'autonomia di lotta nei confronti del suo nemico storico, la borghesia con il suo Stato e le istituzioni che la rappresentano e che come una piovra lo tengono stretto fino a strangolarlo; e che le sue avanguardie si organizzino, raggiungano e rafforzino il partito rivoluzionario che non cade dal cielo (come in troppi si illudono che avvenga), ma che ha lavorato e lavora con tenacia per difenderlo e prepararlo alla rivoluzione, alla presa del potere, all’instaurazione della dittatura proletaria, indispensabile e transitorio strumento per abbattere e buttare nella spazzatura della storia il Capitale e preparare la società senza classi, il comunismo.

Questa strada è lunga e irta di difficoltà: ma è l'unica possibile. Tappa inevitabile e necessaria è quella del disfattismo rivoluzionario: inevitabile, perché inevitabile è la guerra inter-imperialista che si prepara, anche e soprattutto in tempo di “pace” (quell’illusorio silenzio, fra uno scoppio e l'altro, che “pace” in realtà non è). Cioè, il rifiuto collettivo e organizzato di obbedire alle esigenze militari, politiche, economiche, del “proprio” capitale nazionale e trasformare il conflitto, incipiente o esploso, in guerra di classe, in guerra civile, in guerra per il potere. Quella parola d'ordine deve tornare a essere il grido di battaglia proletario.

Sappiamo però che, per non ridurlo a uno slogan vuoto che mette la coscienza a posto ai rivoluzionari da operetta, quel grido di battaglia va preparato fin dai momenti in cui questo sbocco appare lontano e quasi irraggiungibile – come appare oggi a chi non creda alle fanfaronate di quelli che prendono lucciole per lanterne e proclamano che “le condizioni oggettive sono già mature e manca solo la direzione rivoluzionaria”. No, le cose non stanno così: lo dimostra il solo fatto che, in quasi otto mesi di guerra in Ucraina, sono sostanzialmente inesistenti gli atti di autentico disfattismo rivoluzionario – quelli che, per esempio, in tutte le parti belligeranti non mancarono durante la Prima guerra mondiale: renitenza alla leva e diserzioni di massa, rifiuto di obbedire agli ordini, dialogo e fraternizzazione fra le trincee opposte, e soprattutto scioperi nelle città devastate dai bombardamenti… insomma, quel che si verificò durante la Prima guerra mondiale e che aprì la strada all’Ottobre Rosso. A meno che si voglia a tutti i costi dichiarare tali gli sparsi e sparuti cortei belanti e preteschi che hanno attraversato tutto il mondo dietro gli striscioni di un generico “no alla guerra”!...

L'osceno vampiro che ha nome Capitale non muore da solo. La sua agonia è selvaggia, distruttiva e autodistruttiva. È necessario dunque piantargli il paletto acuminato nel cuore: una certezza che ci viene dal lontano, ma rosso e fiammeggiante, 1848. E quest'esito va preparato, come va preparata la guerra di classe alla guerra imperialista, a partire dalla realtà che è quella di un proletariato ancora schiacciato e paralizzato sotto decenni di sconfitte micidiali e avvelenato da tutti i fumi ideologici della cultura dominante. Certo, la vecchia talpa lavora per noi: le crisi (per ora solo economiche e finanziarie, ma presto sicuramente sociali) si susseguono, “garanzie” e “diritti” si volatilizzano come i pochi risparmi dei proletari nel giro di poche mattine, miseria e strazio di vivere crescono a vista d'occhio, gli eserciti di proletari e proletarizzati in fuga dalla morte per fame, guerre e

repressione si gonfiano a dismisura, qua e là esplodono le ribellioni... Il lavoro per i comunisti non manca: ma va svolto tenendo bene i piedi per terra!

E allora, perché la parola d'ordine del disfattismo rivoluzionario non resti una bella storia fine a se stessa, ecco che quello sbocco va preparato in quello che è il nostro oggi. Cominciamo dunque dall'ABC e intorno a esso operiamo perché, nella materialità dei fatti, torni a vivere quell'antagonismo di classe che oggi fatica ancora a emergere. Rilanciamo i capisaldi operativi di base per riprendere e riorganizzare il disfattismo rivoluzionario:

  1. Rifiuto di accettare sacrifici economici e sociali in nome dell’“economia nazionale”
  2. Organizzazione della lotta di difesa delle condizioni di vita e di lavoro dei proletari per colpire duramente l’impegno bellico della borghesia
  3. Rottura aperta della pace sociale e ritorno deciso ai metodi e agli obiettivi della lotta di classe, l'unica reale solidarietà internazionalista dei proletari tanto delle metropoli quanto delle periferie imperialiste
  4. Rifiuto di ogni partigianesimo (nazionalista, religioso, patriottico, mercenario, umanitario, pacifista) a favore di uno qualsiasi dei fronti imperialisti.
  5. Azioni di sciopero fino allo sciopero generale contro ogni tipo di mobilitazione e propaganda bellica.
  6. Disobbedire in maniera organizzata agli ordini delle gerarchie militari, lasciare che il “proprio” Stato sia sconfitto, tenere ben strette le armi per difendersi e liberarsi dai tentacoli delle istituzioni borghesi.

 

Settembre 2022

International Communist Party Press
Recent publications
  • Il proletariato nella seconda guerra mondiale e nella
    Il proletariato nella seconda guerra mondiale e nella "Resistenza" antifascista
      PDF   Quaderno n°4 (nuova edizione 2021)
  • Storia della Sinistra Comunista V
    Storia della Sinistra Comunista V
  • Perchè la Russia non era comunista
    Perchè la Russia non era comunista
      PDF   Quaderno n°10
  • 1917-2017 Ieri Oggi Domani
    1917-2017 Ieri Oggi Domani
      PDF   Quaderno n°9
  • Per la difesa intransigente ...
    Per la difesa intransigente
Articoli guerra Ucraina
Nostri testi sulla “Questione Israele-Palestina”
  • Israele: In Palestina, il conflitto arabo-ebreo ( Prometeo, n°96,1933)
  • Israele: Note internazionali: Uno sciopero in Palestina, il problema "nazionale" ebreo ( Prometeo, n°105, 1934)
  • I conflitti in Palestina ( Prometeo, n°131,1935)
  • Gli avvenimenti in Palestina (Prometeo, n°132,1935)
  • Israele: Fraternità pelosa ( Il programma comunista, n°21, 1960)
  • Israele: Il conflitto nel Medioriente alla riunione emiliano-romagnola (Il programma comunista, n°17, 1967)
  • Israele: Nel baraccone nazional-comunista: vie nazionali, blocco con la borghesia ( Il programma comunista, n°20, 1967)
  • Israele: Detto in poche righe ( Il programma comunista, n°18, 1968)
  • Israele: Spigolature ( Il programma comunista, n°20, 1968)
  • Israele: Un grosso affare ( Il programma comunista, n°18, 1969)
  • Incrinature nel blocco delle classi in Israele(Il Programma comunista, n°17, 1971)
  • Curdi palestinesi(Il Programma comunista, n°7, 1975 )
  • Dove va la resistenza palestinese? (I)(Il Programma comunista, n°17, 1977)
  • Dove va la resistenza palestinese? (II)(Il Programma comunista, n°18, 1977)
  • Dove va la resistenza palestinese? (III)(Il Programma comunista, n°19, 1977)
  • Il lungo calvario della trasformazione dei contadini palestinesi in proletari(Il Programma comunista, n°20-21-22, 1979).
  • In rivolta le indomabili masse sfruttate palestinesi ( E' nuovamente l'ora di Gaza e della Cisgiordania)(Il Programma comunista, n°8, 1982)
  • Cannibalismo dello Stato colonialmercenario di Israele(Il Programma comunista, n°12, 1982)
  • Le masse oppresse palestinesi e libanesi sole di fronte ai cannibali dell'ordine borghese internazionale(Il Programma comunista, n°12, 1982)
  • La lotta delle masse oppresse palestinesi e libanesi è anche la nostra lotta- volantino(Il Programma comunista, n°13, 1982)
  • Per lo sbocco proletario e classista della lotta delle masse oppresse palestinesi e di tutto il Medioriente(Il Programma comunista, n°14, 1982)
  • La lotta nazionale dei proletari palestinesi(Il Programma comunista, n°12, 1982)
  • Sull'oppressione e la discriminazione dei proletari palestinesi(Il Programma comunista, n°19, 1982)
  • La lotta nazionale delle masse palerstinesi nel quadro del movimento sociale in Medioriente(Il Programma comunista, n°20, 1982)
  • Il ginepraio del Libano e la sorte delle masse palestinesi ( Il programma comunista, n°2, 1984)
  • La questione palestinese al bivio ( Il programma comunista, n°1, 1988)
  • Il nostro messaggio ai proletari palestinesi ( Il programma comunista, n°2, 1989)
  • Una diversa prospettiva per le masse proletarie (Il programma comunista, n°5, 1993)
  • La questione palestinese e il movimento operaio internazionale ( Il programma comunista, n°9, 2000)
  • Israele e Palestina: terrorismo di Stato e disfattismo proletario ( Il programma comunista, n°1, 2009)
  • A Gaza, macelleria imperialista contro il proletariato ( Il programma comunista, n°1, 2009)
  • Il nemico dei proletari palestinesi è a Gaza City ( Il programma comunista, n°1, 2013)
  • Per uscire dall’insanguinato vicolo cieco mediorientale (Il programma comunista, n° 5, 2014)
  • Guerre e trafficanti d’armi in Medioriente (Il programma comunista, n°5, 2014)
  • Gaza: un ennesimo macello insanguina il Medioriente-Volantino (Il programma comunista, n°5, 2014)
  • L’alleanza delle borghesie israeliana e palestinese contro il proletariato (Il programma comunista, n°6, 2014)
  • Israele e Palestina: terrorismo di Stato e disfattismo proletario  ( Il programma comunista, n°3, 2021)
  • A fianco dei proletari e delle proletarie palestinesi! ( Il programma comunista, n°5-6, 2023)
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.