Martedì, 16 Agosto 2022

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Per la lotta contro l’offensiva fascista (Il comunista, 10 ottobre 1922)

L’intensità delle azioni fasciste in tutto il paese è andata aumentando ed indirizzandosi con maggiore precisione contro le forze del Partito Comunista.

La nostra organizzazione è già largamente preparata a resistere e a lottare anche nelle condizioni più avverse, e per via interna vengono continuamente diramate le opportune istruzioni agli organi locali, nonché assicurato il diretto intervento degli organi centrali del Partito, per l’azione di difesa del nostro movimento e per la risposta ai colpi che vengono portati contro di esso con mezzi analoghi a quelli dell’avversario e con tutti quelli che risultano opportuni e possibili.

Mentre la Centrale provvede con tutte le risorse di cui dispone a questo lavoro, crede anche opportuno dare pubblicamente alcune disposizioni, con il presente comunicato a cui tutti gli organi del Partito devono dare la massima diffusione sia interna che pubblica.

I compagni che sono a capo localmente degli organismi di Partito, nello scatenarsi delle operazioni reazionarie, hanno il dovere di assicurare, a costo di qualunque sacrificio, i collegamenti interni della organizzazione di partito in tutte le branche, e salvo casi di forza maggiore, di non abbandonare i loro posti prima di opportune consegne ad altri compagni debitamente autorizzati a riceverle. Mentre a questo scopo essi devono affrontare qualunque rischio, non sono tenuti a farlo per ragioni di esibizionismo delle loro persone o della loro attività non connesse alle precise esigenze tecniche suddette.

Nelle zone in cui l’offensiva reazionaria non è ancora giunta e nelle pause di questa, ogni sforzo deve essere dedicato all’applicazione delle misure necessarie, secondo le istruzioni già note e ripetutamente ricordate, per assicurare un funzionamento illegale ed una capacità controffensiva della nostra organizzazione, rivolgendosi agli organi centrali ove occorrano aiuti eccezionali di uomini e mezzi, ma tenendo presente che il Partito di norma deve provvedere a questo con le forze locali essendo limitate le disponibilità degli organi centrali.

I compagni che vengono, secondo procedimento ormai ordinario, catturati dai fascisti, sono invitati a firmare o estendere, senza nessuna esitazione, qualunque dichiarazione che venga loro chiesta, senza riguardo della assurdità e stupidità del contenuto. Nello stesso tempo essi si devono astenere da ogni forma di contraddittorio, polemica, discussione, contrattazione con i loro catturatori. In seguito essi, nella loro azione, si uniformeranno solo ed esclusivamente alle disposizioni degli organi di partito, qualunque cosa abbiano fermato.

Avviene che taluni abbonati e rivenditori di giornali comunisti per tema di rappresaglie respingano i giornali. Si avverte e si dispone alle amministrazioni della nostra stampa che in questi casi l’invio dei giornali continuerà senz’altro, lasciandone ricadere le conseguenze su chi avrà lasciato livragare [annullare con violenza – NdR] un suo elementare diritto, dando prova così di scarsa coscienza e coraggio. I buoni compagni, intensificando l’opera propria, saneranno il “deficit” che da un tale provvedimento verrà alla stampa del Partito.

Sono aboliti tutti i vessilli delle organizzazioni legali di partito (sezioni e circoli giovanili). Potranno avere vessilli, di tipo adatto, solo le formazioni del nostro inquadramento militare, che dovranno in ogni caso difenderli con mezzi militari dal cadere nelle mani degli avversari.

A parte le ordinarie misure disciplinari possibili, si avverte che ogni dichiarazione ufficiale che organizzazioni di partito sono disciolte può solamente significare che le organizzazioni in questione seguitano a funzionare in modo illegale.

Il Comitato Esecutivo

Punti di contatto:

Milano, via dei Cinquecento n. 25 (citofono Istituto Programma), (lunedì dalle 18) (zona Piazzale Corvetto: Metro 3, Bus 77 e 95)
Messina, Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
Roma, via dei Campani, 73 - c/o “Anomalia” (primo martedì del mese, dalle 17,30)
Benevento, c/o Centro sociale LapAsilo 31, via Firenze 1 (primo venerdì del mese, dalle ore 19)
Berlino, ogni ultimo giovedì del mese dalle ore 19, presso il Cafè Comunista, RAUM, Rungestrasse 20, 10179 Berlino.
Bolognac/o Circolo ARCI Guernelli - via Gandusio 6 - 40128 Bologna (Prossime date e orari: 9/10, 27/11, 11/12, 29/1, 26/2, 26/3; dalle 15,30 alle 17,30)
Torino, nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 09 luglio 2022, dalle 15.30)
Cagliari, c/o Baracca Rossa, via Principe Amedeo, 33 - 09121 Cagliari (ultimo giovedi del mese, dalle 20)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'