Martedì, 16 Agosto 2022

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Per le elezioni amministrative (Il comunista, 17 ottobre 1922)

Al proletariato milanese

Ai partiti proletari

Con il presente appello il Partito comunista prende posizione nella lotta elettorale per l’amministrazione comunale di Milano.

L’amministrazione eletta dai lavoratori nel 1920 è stata livragata dalla prepotenza della reazione statale e fascista, è stata sloggiata, malgrado che derivasse dalla applicazione dei diritti che le attuali istituzioni affermano riconosciuti ai cittadini, con la violenza bruta, e questo malgrado l’indirizzo tutt’altro che rivoluzionario che aveva assunto.

Questo fatto non è privo di insegnamenti per la classe lavoratrice, e corrisponde alle considerazioni partendo dalle quali il Partito comunista, partito di lotta rivoluzionaria, accede alla tattica elettorale.

L’uso della scheda non ha valore alcuno, ove non sia una occasione per dimostrare e passare in rassegna la forza politica effettiva che la classe lavoratrice sa crearsi dandosi una organizzazione di battaglia rivoluzionaria capace di difendere i suoi interessi e le sue aspirazioni.

Il riconoscimento della legge formale non conta nulla, ove sia a sfavore del proletariato il gioco delle forze effettive nella lotta di classe, che è lotta politica, che è oggi soprattutto lotta armata.

I lavoratori possono adoperare la scheda, quando sappiano impugnare al tempo stesso le armi anche non metaforiche per la propria emancipazione.

Questi evidenti concetti ci spingono a sottoporre ai lavoratori di Milano la proposta che indirizziamo agli altri partiti proletari.

Si formi una lista proletaria alla quale partecipino tutti quegli organismi che sono pronti ad accettare un programma in testa del quale si scriva: Costituzione con i mezzi della finanza comunale di una milizia cittadina armata per la difesa del conquistato Comune.

Si impegni ogni candidato compreso nella lista a firmare un tale programma.

Su tale base i comunisti sono pronti a dare i loro uomini e le loro forze per una lotta comune.

Su altra base essi rifiuterebbero di prestarsi a condurre il proletariato ancora una volta alle delusioni atroci contenute nei metodi socialdemocratici e legalitari.

Viva Milano proletaria! Viva il Comunismo!

Punti di contatto:

Milano, via dei Cinquecento n. 25 (citofono Istituto Programma), (lunedì dalle 18) (zona Piazzale Corvetto: Metro 3, Bus 77 e 95)
Messina, Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
Roma, via dei Campani, 73 - c/o “Anomalia” (primo martedì del mese, dalle 17,30)
Benevento, c/o Centro sociale LapAsilo 31, via Firenze 1 (primo venerdì del mese, dalle ore 19)
Berlino, ogni ultimo giovedì del mese dalle ore 19, presso il Cafè Comunista, RAUM, Rungestrasse 20, 10179 Berlino.
Bolognac/o Circolo ARCI Guernelli - via Gandusio 6 - 40128 Bologna (Prossime date e orari: 9/10, 27/11, 11/12, 29/1, 26/2, 26/3; dalle 15,30 alle 17,30)
Torino, nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 09 luglio 2022, dalle 15.30)
Cagliari, c/o Baracca Rossa, via Principe Amedeo, 33 - 09121 Cagliari (ultimo giovedi del mese, dalle 20)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'