Martedì, 16 Agosto 2022

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Comitato Esecutivo. Circolare numero 21, 12 novembre 1922 (APC 1922,106/50-51)

Oggetto: Organizzazione

Riservata urgente alle persone dei segretari federali

Caro compagno,

le prospettive della reazione bianca italiana furono da noi previste in tutti gli sviluppi da circa due anni or sono. Nel recente manifesto al proletariato e ai compagni noi prevedevamo gli sbocchi della crisi di governo in Italia e accennavamo alla probabilità di un compromesso tra le fazioni borghesi. Le nostre previsioni sono stata avvalorate dai fatti.

Il fascismo diviene il governo dello Stato. La reazione cosiddetta illegale del fascismo diviene la reazione dello Stato. Noi possiamo oggi prevedere la politica dello Stato fascista, cioè del governo reazionario dello Stato italiano, verso il proletariato e verso il partito comunista. Ci riserviamo di analizzare tali prospettive in un manifesto. Ciò che urge dire al partito è la necessità che esso passi in rassegna le sue forze, riveda e rinsaldi la sua organizzazione.

Caro compagno, il momento che noi viviamo è difficile, perché richiede grande serenità nei capi e nei gregari, freddezza nell’esame della situazione, fiducia nei capi locali e centrali, spirito di sacrificio e di abnegazione, volontà di lavoro eccezionale.

Noi affermiamo che un certo numero di comunisti ci abbandonerà. Diciamo ciò con dolore ma senza l’ombra di scoramento. Molti simpatizzanti ed amici ci abbandoneranno. Nella nostra solitudine sarà la nostra forza se sapremo lavorare senza pietà per le nostre persone fisiche con attività centuplicata, con fiducia, con ardentissimo amore per la causa che ci tiene uniti e solidali.

Se sapremo essere forti, il domani sarà nostro. Il problema capitale per noi è quello della organizzazione del nostro partito. Forse tu ed altri compagni vi farete una simile domanda: Qual è la nuova tattica comunista nei sindacati, nella stampa, nella propaganda ecc.? Se è questa la domanda che tu ed altri compagni certamente vi farete, noi rispondiamo che nessuna tattica è applicabile se il nostro partito non si pone nelle condizioni di funzionare perfettamente. La questione pregiudiziale è perciò quella della organizzazione. Sulla organizzazione vi diamo le seguenti disposizioni, le quali devono avere immediata e tempestiva applicazione:

a) La organizzazione del partito da oggi in poi sarà quasi del tutto illegale. La base dell’organizzazione illegale è data dal sistema del raggruppamento (vedi circolare emanata a suo tempo dal C.E. del partito). Quelle sezioni che non hanno ancora, dopo oltre un anno da quando le disposizioni apposite furono date, applicate le norme per il raggruppamento, devono in breve mettersi in condizioni tali da rispondere a questo preciso obbligo.

Appena sarà possibile, manderemo dei compagni nelle varie zone d’Italia ad ispezionare il funzionamento dei raggruppamenti.

b) Il contatto fra gli iscritti e gli organi centrali delle sezioni avverrà per mezzo delle riunioni di gruppo, alle quali parteciperanno uno o più membri del C.E. sezionale.

c) Il collegamento fra organi sezionali e capi gruppo, tra capi gruppo e compagni, tra organi nazionali e organi federali, deve essere particolarmente curato e perfezionato.

d) I C.E. federali debbono mantenersi a contatto frequente con le sezioni e con il C.E. del Partito. Si riduca al minimo la corrispondenza ordinaria con il C.E. del partito fino a nuovo ordine.

e) Tutti gli indirizzi legali coi quali comunichiamo con le federazioni serviranno ancora fino a quando non conosceremo i nuovi illegali. Gli indirizzi illegali delle federazioni debbono essere mensilmente modificati. Uno stesso indirizzo illegale può essere rimesso in vigore dopo un certo periodo di tempo. Gli indirizzi riservati federali ai quali il C. E. del partito indirizza le sue lettere per comunicare con le federazioni non devono essere eguali a quelli di cui l’Ufficio illegale del partito si serve per comunicare con i fiduciari federali. Gli indirizzi da comunicare al C. E. del partito debbono essere trasmessi subito a mezzo dell’ufficio illegale (cifrati). Il C. E. comunicherà quindi il suo recapito ai segretari federali.

f) Sino a quando non sia soppressa legalmente la loro pubblicazione, i nostri giornali continueranno a vedere la luce. È ovvio prevedere che la loro diffusione sarà ostacolata in tutti i modi. È perciò indispensabile ed urgente che i compagni dei capiluogo di provincia e di circondario forniscano all’amministrazione dei giornali un indirizzo riservato per l’invio dei giornali stessi. Le sezioni dei capoluoghi di provincia e di circondario sono responsabili di fronte all’amministrazione dei giornali del rimborso delle copie vendute. Gli indirizzi per l’invio della stampa devono essere comunicati pure all’Ufficio illegale, il quale lo rimetterà alle amministrazioni competenti.

La diffusione della stampa sarà fatta a mezzo dei gruppi locali. Gli indirizzi e il sistema di diffusione serviranno anche per il caso in cui la stampa comunista venga soppressa, allo scopo di diffondere quegli altri mezzi di propaganda e stampa che gli organi centrali del partito appronteranno.

g) Nessuna convocazione politica deve essere comunicata a mezzo della stampa.

h) L’inquadramento sindacale del partito resta, per ora, intatto. Apposite istruzioni saranno date appena ciò sarà ritenuto necessario.

i) Resta immutato l’inquadramento militare. Le forme esteriori di esso (parate, sfilate in pubblico ecc.) non vengono compiute senza preventivo assenso della centrale militare.

l) L’organizzazione illegale esige il massimo accentramento degli organi direttivi. Sarà intensificata l’opera di sorveglianza delle nostre file, migliorando ed estendendo l’azione di polizia interna.

m) Il C. E. del partito appronterà un breve statuto della organizzazione illegale del nostro partito.

Il C. E. del partito ordina che le sue prime ed affrettate disposizioni sulla organizzazione illegale, contenute nella presente circolare, siano applicate entro il 16 corrente. Il C. E. si accerterà direttamente della loro applicazione dopo ricevuta della presente.

Con saluti comunisti,

per il Comitato Esecutivo

Firmato Grieco

Indirizzo per la corrispondenza ordinaria (non riservata):

Ruggero Gentile – Casella postale 230, Roma

Sono aboliti i recapiti di corso d’Italia 94, Casa del Popolo, via Capo d’Africa e Via della Scrofa 39, nonché via Ripetta 12 A.

Punti di contatto:

Milano, via dei Cinquecento n. 25 (citofono Istituto Programma), (lunedì dalle 18) (zona Piazzale Corvetto: Metro 3, Bus 77 e 95)
Messina, Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
Roma, via dei Campani, 73 - c/o “Anomalia” (primo martedì del mese, dalle 17,30)
Benevento, c/o Centro sociale LapAsilo 31, via Firenze 1 (primo venerdì del mese, dalle ore 19)
Berlino, ogni ultimo giovedì del mese dalle ore 19, presso il Cafè Comunista, RAUM, Rungestrasse 20, 10179 Berlino.
Bolognac/o Circolo ARCI Guernelli - via Gandusio 6 - 40128 Bologna (Prossime date e orari: 9/10, 27/11, 11/12, 29/1, 26/2, 26/3; dalle 15,30 alle 17,30)
Torino, nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 09 luglio 2022, dalle 15.30)
Cagliari, c/o Baracca Rossa, via Principe Amedeo, 33 - 09121 Cagliari (ultimo giovedi del mese, dalle 20)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'