Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Mercoledì, 22 Gennaio 2020

Un possibile nuovo scenario per la crescita cinese

L’impetuosa crescita della Cina, motivo dominante dell’economia mondiale degli ultimi decenni, è avvenuta, fino all’ultimo crollo economico, in un contesto che ha visto, nonostante le ricorrenti crisi, la contemporanea crescita speculativa dei più vetusti capitalismi occidentali. L’incremento della produzione industriale cinese ha fornito “carburante” per le bolle speculative in Occidente, le quali, a loro volta, hanno fornito nuovo terreno per la crescita cinese, sotto forma di un continuo aumento dei consumi.

Ora, il meccanismo che ha sostenuto l’economia globale negli ultimi 30-40 anni potrebbe essere vicino al capolinea, nel senso che l’afflusso dei capitali potrebbe non essere più sufficiente ad alimentare la crescita della bolla speculativa globale a ritmi che possano “occultare” la sovrapproduzione.

 

 

In questo caso, potremmo assistere ad una crescita della Cina (e, in qualche misura, degli altri capitalismi emergenti) a scapito dei capitalismi più maturi (USA, Europa e Giappone in primis): la Cina potrebbe essere nella posizione di drenare non solo i capitali investiti nella produzione, che proprio in Cina trovano condizioni assai favorevoli alla propria valorizzazione, ma anche quelli investiti nella speculazione. Le bolle speculative dell’economia cinese, compresa quella immobiliare [1], potrebbero ulteriormente lievitare, sottraendo capitali alla speculazione in Occidente [2], in uno scenario che potrebbe vedere la contestuale stagnazione dell’economia globale e un rallentamento, se non un arresto, della crescita della speculazione mondiale nel suo complesso. La produzione cinese potrebbe iniziare ad essere sostenuta, più di quanto non avvenga oggi, da una crescita del mercato interno su base speculativa. Lo stesso surplus commerciale cinese potrebbe riversarsi sempre più nella speculazione interna, invece che sui mercati finanziari internazionali.

Le economie occidentali verrebbero quindi colpite non solo dal disavanzo nella bilancia commerciale, ma da un’ulteriore fuga di capitali, che depaupererebbe ulteriormente i vecchi capitalismi a vantaggio dei paesi emergenti.

Fondamentale, nell’ambito di questa dinamica, è il ruolo di uno Yuan sottovalutato, vera e propria arma monetaria, che crea un contesto economico che facilita la vendita delle merci cinesi e, contemporaneamente, funge da forte attrattore di capitali esteri, i quali, una volta entrati in Cina, risultano aumentati di valore solo per effetto della conversione nella moneta nazionale cinese. Una simile situazione non potrebbe che inasprire ulteriormente le tensioni internazionali, soprattutto tra USA e Cina [3], in tempi relativamente brevi.

Non è detto che lo scenario dominante nell’immediato avvenire debba essere quello appena descritto: la bolla dell’economia cinese potrebbe sgonfiarsi [4], oppure potrebbe esserci ancora spazio per il perdurare di una crescita globale sul modello, anche se più a rilento, di quella avutasi degli ultimi decenni, fino al completo esaurimento del meccanismo che vede, semplificando all’osso, la produzione in Cina e la speculazione in Occidente. O potrebbe presentarsi uno scenario alternativo, partorito dalla fantasia della Storia, ma sempre nei limiti delle ferree leggi a noi note. Come al solito, saranno i fatti ad avere l’ultima parola.



[1]Cfr. “Why China Can't Cool Its Overheated Real Estate Boom”, Daily Finance, 27/02/2010; “The trouble with China’s economic bubble”, Washington Post, 10/03/2010; “China, worried about a real estate bubble, moves to restrain bank lending”, Los Angeles Times, 13/02/2010; “China: No one home”, Financial Times, 21/02/2010; “China's Huge Economic Bubble To Trigger Another Major World Crisis”, Pravda online, 10/02/2010.

[2] Cfr. “Contrarian investor sees economic crash in China”, The New York Times, 07/01/2010.

[2] Cfr., ad esempio, “China rejects Barack Obama's call to change yuan policy”, BBC News online, 12/03/2010; “The China Bubble's Coming -- But Not the One You Think”, Foreign Policy online, 23/07/2009; China denies currency undervalued, BBC News online, 15/03/2010.

 

 

Partito Comunista Internazionale
(il programma comunista n°02 - 2010)

[4] “Contrarian investor sees economic crash in China”, cit.

 

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano 16/11/2019, ore 16,00 " Presentazione del quaderno n. 10: Perché la Russia non era socialista " presso Libreria Calusca, Via Conchetta 18
  • Torino,  Prossimo incontro a Torino 07-12-2019, dalle 15,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34

International Press

 

                    

            N°5-6 - 2019                              N°06-2020                              N°3 - 2019

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'