Martedì, 21 Settembre 2021

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Pionieri da vicolo chiuso

Quando ci fecero credere che il primo razzo americano Pioneer era giunto alla distanza dalla Terra che gli consentiva di non più ritornare, affermammo che poteva essere verosimile che si perdesse nello spazio ultralunare, ma era incredibile che si mettesse a girare come satellite della Luna per poi, dopo averla guardata dal di dietro, ritornare sulla Terra.

Sono oggi ben tre i tentativi americani falliti, e di quello russo non si sa nulla.

Il von Braun ebbe a dire dopo il primo fallimento, che bisognava tutto al più ripromettersi di formare un satellite non della Luna, ma del Sole; e così il moderno pubblicitarismo rimpiazzava una frottola sventata con una più grande.

Teoricamente sarebbe forse possibile lanciare simile "pianeta artificiale" nello spazio (o farlo cadere nel Sole), sparandolo "in avanti" sull'orbita terrestre, facendogli cioè aggiungere alla velocità della Terra, che è di 30 km al secondo, gli 11 km al secondo della prima velocità di fuga.

Ma dopo gli ammessi grossolani sbagli degli angoli di lancio, della velocità di lancio, e dell'istante di partenza (si domina quello dalla Terra, ma non quello degli "scatti" ulteriori) e senza far qui luogo a critiche teoriche, si deve asserire che è stato fatto un passo indietro, e che (fino a prova contraria) non si riesce ancora a mandare un oggetto partito dalla Terra fuori dall'effetto della attrazione della stessa, in modo che cada sulla Luna o sul Sole. Solo quando questa possibilità dell'uomo risulti teoricamente e praticamente dimostrata, si potrà parlare di dare a corpi astrali altre rotte da quelle di un proietto viaggiante per effetto di velocità impressa e della attrazione terrestre. I satelliti finora lanciati altro non sono che proiettili balistici, che non è nemmeno possibile a rigore definire extra atmosferici, ossia staccati dalla sfera di materia che forma il pianeta Terra.

 

Da "Il programma comunista" n. 23 del 1958

 

Note

[1] Erano in realtà quattro: il Pioneer 0, il 17 agosto 1958 non riuscì neppure a partire perché esplose al primo stadio. Pioneer 1 giunse a circa un terzo della distanza che ci separa dalla Luna e ricadde sulla Terra trasmettendo dati sull'estensione della prima fascia di radiazioni; Pioneer 2 esplose per un difetto di accensione del terzo stadio; Pioneer 3 superò di poco il 25% della distanza Terra-Luna e, ricadendo, scoprì la seconda fascia di radiazioni. Il programma Pioneer è ancora aperto.

[2] La velocità necessaria per immettere un manufatto in orbita con la Terra al fuoco è di 11.180 metri al secondo; con il Sole al fuoco è di 42.095 metri al secondo, e il Lunik I raggiunse per la prima volta questa velocità. In russo le sonde lunari si sono sempre chiamate Luna, ma in Occidente le chiamavano Lunik forse per assonanza con Sputnik (il nome ufficiale di Luna I era oltretutto Mechta). 

Punti di contatto:

Milano, via dei Cinquecento n. 25 (citofono Istituto Programma), (lunedì dalle 18) (zona Piazzale Corvetto: Metro 3, Bus 77 e 95)
Messina, Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
Roma, via dei Campani, 73 - c/o “Anomalia” (primo martedì del mese, dalle 17,30)
Benevento, c/o Centro sociale LapAsilo 31, via Firenze 1 (primo venerdì del mese, dalle ore 19)
Berlino, ogni ultimo giovedì del mese dalle ore 19, presso il Cafè Comunista, RAUM, Rungestrasse 20, 10179 Berlino.
Bologna, al momento è sospesa l’apertura al pubblico
Torino, nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 09 ottobre 2021, dalle 15.30)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'