Martedì, 21 Settembre 2021

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Balle di alta precisione

Per qualche tempo non si è parlato di satelliti e di razzi e la propaganda spaziale ha pasciute le folle di un altro annunzio. Un comunicato TASS del 7 gennaio annunziava una serie di tiri di prova con razzi pesanti che non sarebbero stati destinati alle immensità spaziali ma a ricadere, sia pure a distanza mai prima raggiunta, sulla superficie terrestre. Fu dichiarato che scopo di queste prove non era la preparazione di missili ad impiego militare come quelli che gli USA lanciano nell'Atlantico da Cape Canaveral, ma la sperimentazione di razzi molto pesanti atti a divenire satelliti della Terra dai quali tra alcuni anni partirebbero altri lanci per i pianeti del sistema solare. I colpi partendo da una località russa presso il Caspio dovevano cadere tra il 15 gennaio e il 15 febbraio in una zona del Pacifico Centrale di cui erano date le coordinate estreme per avvertire tutti i naviganti di starne lontani, mentre una flotta di navi russe avrebbe fatto sorveglianza per i controlli dei tiri e la sicurezza altrui. Vi furono subito proteste americane e la stampa di Washington disse che il quadrilatero vietato misurava 43.000 km quadrati. Sarebbe stato un bersaglio davvero enorme in quanto corrisponderebbe ad un quadrato di quasi 210 km di lato, tale da contenere ad esempio tutta la Corsica. Ma gli americani baravano: segnando su una carta del Pacifico i quattro vertici di quello che non risulta un quadrato ma un rettangolo coll'asse lungo da Nord-ovest a Sud-Est, le dimensioni sono di circa 30 km per 50 e quindi non oltre 1.500 km quadri. Un simile rettangolo può comodamente contenere l'isola d'Elba.

Un tiro è stato fatto il 20 gennaio e l'altro il 1 febbraio. Del secondo si dice che "è caduto nella zona prestabilita" e noi intendiamo nel rettangolo di 30 per 50 km. Del primo si disse che l'errore di mira si era limitato a 2 km "dall'obiettivo previsto" con il che intendiamo che è caduto 2 km fuori del perimetro del rettangolo, e non certo a 2 km dal centro di figura di esso. Siccome la distanza di tiro e stata 12.500 km, e lo scarto dalla mira tra 17 e 32 km da un lato o dall'altro, il grado di esattezza rispetto alla gittata è stato di circa due per mille.

Se anche si volesse ammettere lo scarto di soli 2 km dal centro del rettangolo, il grado di esattezza sarebbe più fine, e di quasi il due per diecimila. Ma qui devono subentrare i russi a dire frottole. Secondo l'Unità del 23 gennaio è stato come colpire una mela da 10 km, e per di più a "pochi millimetri dal centro". I propagandisti di affitto sono incorreggibili e non potevano non servirsi della mela di Guglielmo Tell che, pur bravissimo, tirava a cento passi dalla testa del figlio. Accordiamo alla mela 10 cm, e la finezza del tiro a 10 km sarà uno per centomila; ossia è stata vantata venti volte maggiore se lo sbaglio è stato 2 km, e nella nostra retta interpretazione duecento volte maggiore. Questo conto che si può fare sulla punta delle dita valga per qualche nostro compagno pur molto intelligente che non gradisce che noi critichiamo le affermazioni sbalorditive.

Tutta la stampa del mondo presente è basata sulla stupefazione dei lettori, che si vergognerebbero di dire: questo è impossibile; per non sentirsi dare dei codini. Col grado di fantasia della mela il colpo doveva cadere a soli 125 metri dal bersaglio, non ai 2 km annunziati da Mosca, che (come abbiamo logicamente mostrato) significano nella migliore ipotesi ben 17 km.

Tant'è; bisogna far colpo sul lettore e deviarlo dalla domanda: questa nuova prova modestamente terrestre non è un passo indietro, ossia non è la confessione che le prove precedenti sono fallite e sono state falsamente presentate?

I russi hanno invocato la dialettica per cui tornando indietro si prepara l'andata avanti, ossia a Marte o Venere. Per supercodini vogliamo bene passare, ma così grosso non beviamo. Ammettiamo pure che quando l'ultimo stadio non sarà finto ma avrà un ultimo motore a razzo si potrà mettere in orbita a poca distanza dalla Terra un satellite artificiale con un lancio meno imprevedibile di tutti i precedenti satelliti e razzi, che hanno imboccato orbite a caso e non affatto precalcolate. Perché è necessario lanciare i corpi (astronavi?!) verso i pianeti da questa stazione spaziale presa a prestito ai fumettisti della fantascienza? Si dice: perché occorrerà una spinta minore che dalla superficie della Terra per realizzare la fuga cosmica. Questo sarebbe vero in teoria, ma noi vi leggiamo solo la confessione che nessuno dei razzi finora lanciati ha superato, dopo la prima velocità di fuga (satelliti), anche la seconda (pretesi razzi solari). E si è constatato che con i razzi a molti stadi si perde ogni possibilità di realizzare orbite calcolate per le incertezze meccaniche e cinematiche di ogni successiva esplosione. Questo razzo privo di testa è la confessione di tale impossibilità.

A proposito dei vari Lunik abbiamo mostrato come i dati delle orbite risultavano, anche negli annunzi ufficiali, sempre più diversi da quelli preannunziati. E ad esempio abbiamo negato che le orbite si potessero correggere da terra con dispositivi di telecomando. In ciò è contenuta la assoluta impossibilità di indirizzare un tiro su Marte o Venere, per difetto di spinta e per mancato controllo della direzione orbitale fra tre e più corpi in corsa.

A Nizza il 12 gennaio si è riunita una conferenza internazionale di scienza spaziale. Il russo prof. Blagonravov ha "smentito categoricamente" che la fotografia della faccia nascosta della Luna dal Lunik III "fosse stata ottenuta su impulsi od ordini trasmessi da terra". Il russo ha spiegato che si è trattato solo di una serie di operazioni automatiche di orientamento, scatto, e simili, predisposte nelle attrezzature del razzo, e che hanno agito "come Robots". Ciò è poco per fare intendere alla nostra scarsa coltura che la fotografia sia autentica. Ma interessa molto per ricordare come non era partito preso, o voluta diffidenza, o spirito di parte, ciò che mosse le nostre critiche alle contraddittorie notizie di tempi e distanze nella corsa misteriosa del Lunik III, quando si volevano spiegare le novità e gli scarti dei primi annunci colla fumistica risorsa di razzi sussidiari comandati dalla Terra, di cui mostrammo la inverosimiglianza tecnica e scientifica. Oggi si fa assegnamento dichiarato sui Robot e sulle stazioni spaziali flottanti nello spazio. Ma il lettore cafoncello si adesca sempre con il miraggio dell'astronave pilotata da uomini in tuta, che mettono piede su Marte.

Per noi è tutta pura e voluta menzogna. Dalla parte tanto dei Blagonravov che dei von Braun, cervelli in affitto ad interessi di conformismo statale.

 

Da "Il programma comunista" n. 3 del 1960

Punti di contatto:

Milano, via dei Cinquecento n. 25 (citofono Istituto Programma), (lunedì dalle 18) (zona Piazzale Corvetto: Metro 3, Bus 77 e 95)
Messina, Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
Roma, via dei Campani, 73 - c/o “Anomalia” (primo martedì del mese, dalle 17,30)
Benevento, c/o Centro sociale LapAsilo 31, via Firenze 1 (primo venerdì del mese, dalle ore 19)
Berlino, ogni ultimo giovedì del mese dalle ore 19, presso il Cafè Comunista, RAUM, Rungestrasse 20, 10179 Berlino.
Bologna, al momento è sospesa l’apertura al pubblico
Torino, nuovo punto di incontro presso Bar “Pietro”, via S. Domenico 34 (sabato 09 ottobre 2021, dalle 15.30)

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'