Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Domenica, 08 Dicembre 2019

Le questioni di razza, nazione (e coloniale) e classe nella teoria marxista

I "Fattori di razza e nazione nella teoria marxista" apparvero a puntate sul quindicinale "Il programma comunista", dal n°16 al n°20 dell'anno 1953, come resoconto di una riunione del Partito comunista internazionalista (poi, internazionale), svoltasi a Trieste poco tempo prima. La loro motivazione è da ricercare nella necessità di contrastare la sottovalutazione e la svalutazione  di ogni movimento nazionale e coloniale, oltre che nel fatto oggettivo che i moti nazionali e coloniali, lungi dall'essere scomparsi, si accumulavano proprio in quegli anni. Dai fatti di Trieste, che fornivano lo spunto a commenti e articoli già nel 1950, a quelli delle lotte dei paesi "colorati", si trattava di dare una spiegazione coerente a fenomeni di un'ampiezza storica e geografica multiforme ed immensa.  Seguono gli articoli che nei diversi anni hanno trattato lo stesso tema. L'esaurimento dei moti nazionali e coloniali in Asia e Africa è stato al centro di un intenso lavoro di Partito.


Documentaria (1912-1926)

I fattori di razza e nazione nella teoria marxista (Il programma comunista, nn.16-20/1953)

Articoli tratti da "Sul filo del tempo"

Questione nazionale e coloniale da " Il programma comunista" 

  • Colonialismo storico e colonialismo termonucleare (Il programma comunista, nn.6-7/1957) 
  • Fisionomia sociale della rivoluzione anticolonialista (Il programma comunista, nn.11-12/1957) 
  • La questione coloniale: un primo bilancio (Il programma comunista, nn.14-15-16/1957)
  • Le lotte di classe e di Stati nel mondo dei popoli non bianchi (Il programma comunista, nn.3-4/1958)
  • Quattro punti sulla questione coloniale (Il programma comunista, n°2-3/1958 )
  • Teoria e pratica nella questione coloniale (Il programma comunista, n°5/1958 )
  • Mondo coloniale in fermento (Il programma comunista, n°10/1958) 
  • Alcuni punti sulla questione coloniale (Il programma comunista, nn.10-11/1959)
  • Proletariato rivoluzionario e moti nazionali democratici (Il programma comunista, n°15/1960)
  • La terribile responsabilità dello stalinismo nei moti anticoloniali (Il programma comunista, n°14/1961)
  • Richiami alla questione dei popoli coloniali e semicoloniali (Rapporto alla Riunione Generale di Milano) (Il programma comunista, n°10/1961)
  • (Il programma comunista, nn.20/1961 )
  •   (Il Programma comunista, n° 21, 1961)
  • La questione coloniale. Riunione di Milano (Il programma comunista, n°14/1961)
  • Impotenza delle borghesie coloniali (Il programma comunista, nn.19-20/1965)
  • Tesi sulla questione agraria nei paesi d'Oriente al Congresso di Baku dell'Internazionale Comunista (1920) (Il programma comunista, n°20/1966)
  • Il letto di Procuste delle rivoluzioni coloniali (Il programma comunista, n°5/1966)
  • Imperialismo e sottosviluppo(Il Programma comunista, n°2, 1971)
  • Nel quadro della questione nazionale e coloniale (Il programma comunista, nn.22-23/1972)
  • Le tesi sulla quesione nazionale e coloniale al II Congresso dell?internazionale comunista, n°16, 1972)
  • Questioni nazionali e coloniali ( Riunione generale, n°19, 1972)
  • La questione nazionale e coloniale (Il programma comunista, n°3/1973)
  • Engels: La questione contadinia in Francia e Germania (Il Programma comunista, n°20, 21, 22, 1973)
  • Il ciclo delle lotte nazionali e coloniali volge alla fine (Il Programma comunista, n°23, 1979)

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano 16/11/2019, ore 16,00 " Presentazione del quaderno n. 10: Perché la Russia non era socialista " presso Libreria Calusca, Via Conchetta 18
  • Torino,  Prossimo incontro a Torino 07-12-2019, dalle 15,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34

International Press

 

                   

            N°5-6 - 2019                              N°05-2019                              N°3 - 2019

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'