Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 18,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 12 settembre 2020, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Domenica, 12 Luglio 2020
DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 

 

Invarianza della dottrina comunista

Uno dei nostri punti di forza nel duro lavoro di restauro dell’organo rivoluzionario di classe (il partito) consiste nell’affermare e ribadire la tesi dell’invarianza della dottrina comunista. Per chi come noi si è arruolato nell’esercito che si è assunto il compito di caratterizzare, accompagnare e dirigere la sterminata moltitudine di coloro che per vivere possono solo vendere la propria forza-lavoro, il concetto di dottrina è sintetico e chiaro, così com’è chiaro e sintetico il concetto di invarianza.

Ma ora che si è chiuso il primo ventennio del Duemila e un secolo abbondante è trascorso dal 1917, rosso e internazionale (un diretto tirato alla mascella della borghesia, purtroppo senza la forza di spedirla in coma), per chi, spinto dalle più diverse determinazioni sociali e individuali, è costretto a cercare un orientamento politico “di resistenza” e, a volte, di rivolta all’“ordine sociale” in cui abbiamo la gioia e l’onore di vivere, questi due concetti sulle prime possono risultare obsoleti, inutili, antistorici.

Dannato il peso di ottant’anni di controrivoluzione, di questa ondata controrivoluzionaria, che ha avuto la possibilità di distruggere le armi con cui si può e si deve condurre la guerra di classe, sfruttando innanzitutto la sconfitta militare (con l’intelligente uso degli eserciti, delle iene fasciste e naziste), politica e sociale (con l’intelligente uso del carognume conservatore e riformista socialdemocratico, “amico degli operai”, borghese) del proletariato dei paesi di più vecchio capitalismo e poi (ma di pari passo) quella esplosa proprio in quella Russia che aveva messo in ginocchio il Capitale! Che ha avuto la possibilità, nata dalla necessità, di perpetuare il proprio dominio; ma che, nonostante i suoi sforzi e la sua violenza, non c’è riuscita, non riesce e non potrà riuscirci: la dinamica della “vicende umane”, così come si è sviluppata nelle diverse successioni dei modi di produzione, è una realtà materiale di scontro e di lotta tra le classi . E la “moderna lotta di classe”, quella sorta con il compiersi del modo di produzione capitalistico e che pone le basi della necessità per il “moderno” proletariato di muovere alla rivoluzione comunista, non può essere annullata. Può solo essere rallentata, incanalata, deviata… Ma come le ondate imprevedibili e successive di un fiume dalle mille sorgenti, prima o poi gli argini e le dighe si rompono e, tutto travolgendo, finalmente si riempie il mare.

Cara controrivoluzione, non puoi fermare il vento: ci fai solo perdere tempo! Anche se, a dire il vero, il tempo per rafforzare la struttura rivoluzionaria della nostra classe non è mai “perso”: è l’unico tempo, parte integrante di quello necessario per nutrirsi e armarsi, che vale la pena di vivere.

Per dottrina, s’intende dunque una serie organica di principi, cioè un complesso di cognizioni apprese con l’esperienza e con lo studio, che costituiscono la base di una scienza. Nel nostro caso, sono l’esperienza delle condizioni di vita edi lavoro, la lotta della nostra classe, che danno vita alla scienza del divenire sociale in tutti i suoi aspetti, dalla critica dell’economia politica alla metodologia della dialettica materialista del divenire storico: le basi che ci permettono di capire perché e come agiscono i raggruppamenti umani. Una scienza che diventa una pratica politica tale da permetterci l’azione rivoluzionaria nel movimento reale (i filosofi hanno solo interpretato il mondo in modi diversi; si tratta però di mutarlo), causa ed effetto della moderna lotta di classe, e leggerne le dorsali, le tendenze, le possibili conclusioni. E, finché questo movimento non si sarà concluso, i nostri principi, il nostro metodo, la nostra dottrina non sono suscettibili di cambiamenti significativi, a meno di stravolgerli e tradirli.

Questo è il senso dell’invarianza: essa non ingessa la nostra scienza della rivoluzione in una serie di formule ripetute in una memoria che le astrae dal mondo, ma ci costringe ogni giorno a usarle, applicarle, affinarle, renderle attive e operanti.

Per non dimenticare, ecco il primo articolo del programma della Lega dei Comunisti che, nel lontano dicembre del 1847 rappresenta il fondamentale passaggio, per la nostra classe, da combattiva protagonista di un movimento sociale dagli scopi limitati alla necessaria sopravvivenza quotidiana (classe in sé) a soggetto politico rivoluzionario (classe per sé):

“Scopo della Lega dei comunisti è l’abbattimento della borghesia, il dominio del proletariato. L’abolizione della vecchia società borghese poggiante su antagonismi fra le classi, e la fondazione di una nuova società senza classi e senza proprietà privata”.

Da qui ha inizio il lavoro dell’organo rivoluzionario di classe, il cui motto grida “Proletari di tutto il mondo, unitevi”, proprio nel momento storico in cui la borghesia “rivoluzionaria” perfeziona lo strumento principe del suo dominio, quello “Stato/Nazione”, nel quale ci vuole sciogliere, annegandoci nel “popolo”: ha inizio con il rivendicare l’obiettivo che fa tremare e inorridire la borghesia dominante, contro il quale d’ora in poi essa ha scatenato, scatena e scatenerà ogni sorta di democratica, subdola, violenta repressione.

 

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Recent publications

 

     
       

 


Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'