Lunedì, 14 Giugno 2021

«Il Programma comunista» 1981

1981/01

Nel 60° anniversario della fondazione del Partito Comunista d’Italia (1). “Contro tutte le resistenze del sistema sociale borghese, contro tutte le insidie dei falsi amici del proletariato, contro tutte le debolezze e le transazioni, Avanti verso la •Rivoluzione Comunista mondiale!”.   Perché la scissione? - Che cosa non fu Livorno? • Algeria. Vittime della repressione • L’anno dei referendum, ovvero del tentativo di ridare verginità alla democrazia • In memoria del compagno Bruno Fortichiari • Repressione e lotta di classe • Contro gli sgomberi e le deportazioni, organizzare la lotta per la casa! • A proposito di ricostruzione delle zone terremotate. Il nostro e il loro «piccone risanatore» • Tradunionismo e comunismo, ovvero «Che fare?», ieri e oggi (3-Fine). Problemi della lotta economica ai nostri giorni - L’imperialismo non esclude la lotta trdunionista - A che punto è oggi la «coscienza di classe»? • Marx e… Marchais, I proletari non hanno patria! Marchais e company, sì • Il debito pubblico, ovvero: verso chi è «paterno», Papà-Stato? • XI congresso della IV Internazionale ovvero la “rivoluzione” fatta dagli altri • Processo dei «Quattro». Esorcismo cinese • Lo Stato del nostro «stivale» alla riscossa. La presa di Trani • Polonia. «Pieno e totale appoggio» • Vita di partito. Giovani e casa, in Germania • Una grave perdita nella sezione di Schio • Terremoto di El Asnam, Anche la borghesia ne è responsabile!  La borghesia non è innocente - Una situazione drammatica - La borghesia agita il bastone • Quale solidarietà per i colpiti di El Asnam • Inflazione, disoccupazione, tensioni sociali nel mondo • Africa Australe. Una conferma dallo Zimbabwe • Noterelle spagnole. Democrazia blindata - Politica dei sacrifici • Le ricette di Anwar Sadat • Vita internazionale del Partito. L’attività in Grecia - «El-Oumami» per il Magreb - Nel quadro del lavoro fra e per gli operai turchi in Germania, i nostri compagni hanno diffuso il seguente volantino: Il Putsch militare in Turchia: bancarotta dell’antifascismo democratico • Fermato dai carabinieri un lavoratore delle Ferrovie, Rilasciato grazie alla pronta e spontanea risposta di lotta dei compagni di lavoro

 

Il Programma Comunista (1981/01)  

1981/02

Lo Stato forte ed efficiente, sogno della borghesia democratica oggi •PCI centralismo democratico. Il distintivo ideologico del PCI non è il centralismo democratico, ma la democrazia centralizzata • Nel 60° anniversario della fondazione del Partito Comunista d’Italia. Come forgiare il partito della rivoluzione e della dittatura proletaria (2).  Livorno a differenza di Tours - Un monito per il futuro • In difesa della continuità del programma comunista • Manifesto per il 60° di Livorno. Per il Partito comunista rivoluzionario, unico e mondiale • I sindacati e le gatte da pelare • Sul processo di Blida in Algeria - La sentenza di Blida non impedirà la diffusione dei principi e del programma del marxismo rivoluzionario - Per la liberazione dei nostri compagni - Comunicato di Partito - La coraggiosa dichiarazione del compagno Benkhallat - Sottoscrizione per la difesa dei condannati di Blida • La borghesia comincia ad avere paura • Mafia e camorra, fenomeni inseparabili dal capitalismo • Le imprese del nostro stivale • Turchia: rafforzamento della dittatura borghese • Non «inversione di rotta», ma ferrea continuità nella politica agraria russa • Inflazione, disoccupazione, tensioni sociali nel mondo • Irak-Iran. Guerra e sciacalli capitalisti • Proletari in pretura a Milano

 

Il Programma Comunista (1981/02)   

1981/03

Addio Stato assistenziale: E’ l’ora dello Stato austero… •Liberate i prigionieri di Blida! • La guerra civile in Salvador • La giustizia borghese getta la maschera della legalità • Il Signore degli eserciti • Vertenza scuola. L’ipotesi di accordo dei sindacati scuola • Solidarietà di classe ai disoccupati arrestati • Olivetti. Elettronica e disoccupazione • L’ultima buffonata «morale» • Nel 60° anniversario della fondazione del Partito Comunista d’Italia. Il programma del partito rivoluzionario comunista è un blocco unico di principi, mezzi e fini (3-Fine).  I dieci punti del programma di lavoro • Recensione. I dieci giorni che sconvolsero il mondo (John Reed) • Ricordi il proletariato italiano le gesta infami del «suo» imperialismo. Due fasi - due sicari - un unico mandante - Terza fase: il tentativo di recupero • In Polonia, lo sciopero è ancora un’arma • Le grinfie dell’imperialismo francese sull’Africa • Errata corrige del n. 2 [sull’art. “La sentenza di Blida non impedirà la diffusione dei principi e del programma del marxismo rivoluzionario”] • Autoregolamentazione degli scioperi. Sulla via della auto castrazione • Condannati i compagni ospedalieri a Milano • Intimidazioni poliziesche al Cantiere navale Breda, il sindacato guarda e tace • Referendum Dp contro la lotta di classe • Per il ripristino della contingenza su tutte le voci del salario, Per l’uguaglianza dei diritti di tutti i lavoratori, lotta di classe! [volantino di partito]

 

Il Programma Comunista (1981/03)   

1981/04

Crollino le illusioni di sicurezza e di benessere! Rinasca nel suo prepotente vigore la lotta di classe! •No alla democrazia rappresentativa! No alla democrazia diretta • Le grandi manovre del generale Jaruzelsky • Che cosa si agita nelle confederazioni sindacali? • Alcune considerazioni sul movimento per la casa a Napoli • Uccidere, di preferenza, l’uomo morto • Materiali per la storia della sinistra. Il Partito Comunista d’Italia, l’Internazionale e i rapporti col PSI: 1921-1923 (1). I. 3° Riunione del CC del PCd’I, 10-11 settembre 1922 - II. Il valore della divisione socialista - III. Dichiarazione della maggioranza della delegazione comunista italiana - Dichiarazione della minoranza della delegazione comunista italiana - IV Lettera di Amadeo Bordiga del 6 gennaio 1923 al C.E: dell’Internazionale Comunista • Il proletariato cinese dà segni «allarmanti» di risveglio • Ancora sugli emigrati messicani negli Stati Uniti • Inflazione, disoccupazione, tensioni sociali nel mondo • Errata corrige del n. 3 [sugli art. “Elettronica e disoccupazione” - “Sul 60° del Partito comunista d’Italia”] • A Porto Marghera la situazione si sta aggravando. Al Cantiere navale Breda - All’impresa Navicolor • Sciopero nei trasporti pubblici a Venezia • Licenziamenti Montedison. Gli schieramenti di classe si fanno più chiari • I portuali genovesi contro il traffico d’armi

 

Il Programma Comunista (1981/04 

1981/05

Chi esce vittorioso in Spagna dal golpe fallito? •Reagan gioca (ma fino a quando?) al «grosso bastone» • Terrorismo e riformismo • La questione dell’aborto preda di bigottismo riformismo e radicalismo borghese.  La legge e i suoi paladini - La truffa ideologica di bigotti e radicali - I termini della questione - La posizione di classe • Salute, riformisti del riformismo! • Occupati e disoccupati, una sola lotta [Volantino di Partito] • Materiali per la storia della sinistra. Il Partito comunista d’Italia, l’Internazionale e i rapporti col PSI: 1921-1923 (2). Lettera di Bordiga a Togliatti del 7 luglio 1923 - Lettera di Bordiga a Zinoviev e Bucharin del 13 luglio 1923 - Lettera di Bordiga a Togliatti del 20 luglio 1923 - Lettera di Bordiga a Togliatti e Terracini del 1 agosto 1923 • In margine al XXVI Congresso del PCUS. Leonid in ritardo su Nikita • Dietro le quinte della società borghese • Un mito logoro: il «socialismo» dei paesi dell’Est • Il laburismo «di sinistra» sforna un sottolaburismo di destra • La Polonia che piace veramente ai borghesi • L’ironia della storia: ancora la «questione italiana»? • Epopea dei minatori boliviani • Quel benedetto tempo di lavoro… • Altri focolai di lotta per la casa nel Sud • Tutti contro la lotta ad oltranza nei trasporti lagunari veneziani • Errata corrige del n. 5 [sull’art. “Lettera di A. Bordiga del 6.1.1923 all’Internazionale comunista”]

 

Il Programma Comunista (1981/05)   

1981/06

Nel regno della generale e permanente instabilità capitalistica •La Polonia sul filo del rasoio • A Montecatini nessuna svolta • Movimento dei disoccupati a Napoli. Perché si passi dalla lotta per liste e settori all’organizzazione dei disoccupati e di tutti gli sfruttati. La lotta «per le liste» - Le organizzazioni e la riforma del collocamento - La rivendicazione fondamentale • Crepi Marmittone in trincea, e sia pace ai bilanci! • Aborto: solo con la lotta proletaria, con la sua organizzazione si può agire per gli interessi proletari • Contro gli sgomberi e la deportazione [volantino di partito] • Dinamica dei rapporti interimperialistici e guerra. I «fattori» della guerra imperialistica - Economia, politica e geografia • Mitologie capitalistiche sulla microelettronica. Tecnologia e capitale - Elettronica e occupazione - Come il robot libera l’uomo - Prospettive immediate e lontane • Sogni borghesi di evasione in una agricoltura non adulterata • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo • I nodi dell’autogestione jugoslava al pettine • La crisi alimenta il razzismo • La lotta contro i licenziamenti è parte della lotta di resistenza operaia agli attacchi del capitale • Il combattivo sciopero spontaneo del personale viaggiante ATAC di Roma • Democrazia carceraria • Lettera dal Venezuela. Gli «encapuchados» del 23 de Enero, onore del proletariato venezuelano

 

Il Programma Comunista (1981/06) 

1981/07

Che cosa insegna ai proletari l’ennesima stangata in arrivo •Il fiume impetuoso del movimento sociale in Polonia • Lettera dalla Germania. Per la solidarietà con le vittime della repressione borghese • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo • America Latina: la nostra prospettiva. Il ciclo borghese in America Latina - L’apertura del ciclo proletario - La rivoluzione americana • I Fedayin iraniani alla prova dei fatti • Austerità e repressione in Siria. Le condizioni di vita delle grandi masse - Repressioni a catena - Le posizioni dell’«opposizione» • Materiali per la storia della sinistra comunista. Ancora una lettera di Amadeo Bordiga sull’Internazionale e la «questione italiana» (3-Fine) • Trotsky, la Frazione del PCd’I e le «parole d’ordine democratiche» (1) • Lettera dalla Francia. Il PCF contro i proletari immigrati • Continua il fermento sociale in Algeria • La democrazia spagnola si corazza nel rispetto della Costituzione • Poi dicono che non c’è giustizia… • Foyers de travailleurs immigrés : Enseignements de six annes de lutte [opuscolo]

 

Il Programma Comunista (1981/07)   

1981/08

Che un anno di gigantesche lotte operaie nel mondo non sia passato invano! •La rivolta di Brixton • Un anno di lotte proletarie in tutto il mondo • L’ultimo meccanismo «perverso» è caduto: la scala mobile non è più intoccabile • Il militarismo italiano all’opera • La repressione democratica mostra il suo volto di fronte al movimento dei disoccupati e senza-casa napoletani • Complotto o rivoluzione? • Manifesto del Partito Comunista Internazionale 1981. Dalla crisi della società borghese alla rivoluzione comunista mondiale (Circolare fine marzo 1981).  1) Scopo della pubblicazione - 2) Contenuto - 3) Pubblicazione e diffusione] • Difesa proletaria e repressione • La società borghese, un solo e immane «squadrone della morte» • Questioni irredentistiche nel centro-Europa e proletariato • Che bel mondo ci preparerebbe il capitalismo nell’anno 2000 • Agitazioni, disoccupazione, tensioni sociali nel mondo • Allegri ragazzi! • Lo scandalo del mezzo milione di proletari «tutto fare» • Vita di partito. Anche in Grecia all’ordine del giorno la lotta in difesa dei terremotati • «Bice»

 

Il Programma Comunista (1981/08  

1981/09

Il partito, forza attiva nella storia •Alla vigilia dell’oscena farsa dei referendum • Solidarietà proletaria di classe verso i prigionieri politici nell’Irlanda del Nord • Vocazione autoritaria del riformismo • Aborto: i referendum contro i movimenti di massa • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo • Trotsky, la Frazione del PCd’I e le «parole d’ordine democratiche» (2-Fine) La «Mozione sulle parole d’ordine» - O democrazia o dittatura proletaria - «Il compagno Trotsky esagera» - La tattica impone vincoli precisi • La popolazione di colore in Gran Bretagna. Dopo Bristol, Brixton. E poi? (1). Alcuni dati e alcuni esempi - Il dopo-Bristol e il caso di Anwar Ditta e simili • Vita di partito: Riunione Generale del 3-4 aprile 1981. Livorno 1921: la costruzione del PC d’Italia (resoconto sommario) • Sui compiti della rivoluzione comunista mondiale (Estratti dal «Manifesto del partito comunista internazionale 1981) (1). 1.  La conquista del potere politico - 2. L’instaurazione della dittatura proletaria e i suoi caratteri • Lettera dalla Francia. Disoccupazione e licenziamenti • Sull’anno 2000 • Lotte operaie e repressione nell’area veneziana • Ostacoli e difficile avvio nei collegamenti operai [corrispondenza da Firenze] • Cronaca di un’assemblea. Alla Piaggio di Pontedera • La repressione prende di mira tutti gli elementi combattivi

 

Il Programma Comunista (1981/09  

1981/10

Continua il martirologio irlandese •La posta del gioco in Libano • Strani questi aspiranti-destabilizzatori • A proposito dei referendum del 17 maggio. Tutti i salmi finiscono in gloria del parlamento • Passaggio di mano da Giscard a Mitterand • USA: addio anche al Fondo di sicurezza sociale • L’azione del partito a diversi livelli e nelle diverse situazioni • Sui compiti della rivoluzione comunista mondiale (Estratti dal «Manifesto del partito comunista internazionale 1981) (2-Fine). 3. La dittatura proletaria e i contadini - 4. La dittatura proletaria e i popoli e le nazionalità oppresse - 5. I compiti delle prime dittature vittoriose • Lotta di classe, partito rivoluzionario e azione militare • Vita di partito. Riunione Generale del 3-4 aprile 1981. Resoconto sommario del rapporto politico-organizzativo • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo • Le lotte operaie in Brasile: un primo bilancio. L’evoluzione del movimento di sciopero - Il ruolo del collaborazionismo democratico - tendenze del movimento sindacale • El Salvador: le radici della violenza (1). Il movimento sindacale del proletariato agricolo • La popolazione di colore in Gran Bretagna. Legge e ordine contro gli immigrati (2). La legislazione anti-immigrati - Dal controllo dell’immigrazione al rimpatrio forzoso • I Fedayin iraniani di fronte alla guerra Irak-Iran. Viva il disfattismo rivoluzionario… degli altri • «Ma non è il sessantotto» • All’Italsider di Bagnoli. Gli operai si oppongono ad ogni modifica della scala mobile, il sindacato perde colpi • In margine ai referendum sulla legge Cossiga. Consultazioni popolari o difesa proletaria? • Repressione in Iran • Glorie italiche

 

Il Programma Comunista (1981/10)   

1981/11

La storia della dominazione borghese in Italia è tutta intessuta di P2 •La Polonia: punto nevralgico dell’ordine imperialistico mondiale (1) • Marx, Engels e i prigionieri politici in Irlanda • Nelle Americhe. Scioperi ad Oltranza? Presto, black-out! • Sul convegno contro la repressione a Milano • Bibliografia sulla repressione • Socialismo e Loggia • Agitazioni, disoccupazione, tensioni sociali nel mondo • Per un partito di combattimento rivoluzionario. In che consiste il militantismo comunista • Sviluppare l’attività di partito in tutti i campi • La popolazione di colore in Gran Bretagna. Anni di migrazioni e di repressione (3). Dati e caratteristiche delle ondate migratorie - Gli immigrati, il capitale e il suo Stato • El Salvador: le radici della violenza (2-Fine).  Il proletariato urbano - Un anello della lotta internazionale proletaria • Sotto il capitalismo progresso economico significa disoccupazione crescente • Ciò che mostra il sacrificio dei nazionalisti irlandesi • All’insegna del capitale • Vita di partito - Enternasyonalist Proleter - Riunioni pubbliche sui referendum - Nuovo periodico di partito in lingua portoghese per l’America Latina, Proletário • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo • Per la costituzione di una vera opposizione di classe. Gli operai Italsider non demordono: nessuna modifica alla scala mobile - forti aumenti salariali [corrispondenza da Napoli] • Turchia. Il capitale ha buona memoria e mano pesante • Una nuova pubblicazione di partito. Lezioni delle controrivoluzioni [n. 7 della serie «testi del partito comunista internazionale»]

 

Il Programma Comunista (1981/11)   

1981/12

Altro che raffreddare la scala mobile: Si congelano le lotte operaie! •Il congresso nazionale UIL e la politica sindacale • La Polonia: punto nevralgico dell’ordine imperialistico mondiale (2). Realtà del «socialismo polacco» - 1956-1980: 25 anni di sommosse operaie • W Polisce tak samo, Walka klasy robotniczej [opuscolo in lingua polacca] • Lo sciopero dei minatori americani è terminato • Le leggi eccezionali non sono mai troppe • Lettera dalla Germania. Terrore poliziesco e giustizia borghese non impediranno alla lotta di classe di riesplodere • Ritorno al comunismo rivoluzionario di Marx e Lenin (Estratti dal «Manifesto del partito comunista internazionale 1981). I. Il capitalismo evoca la rivoluzione comunista - 1. L’imperialismo prepara nuovamente la guerra - 2. Le riforme borghesi non possono impedire alla miseria di crescere - 3. E’ impossibile dominare l’anarchia del mercato - 4. I diritti borghesi sono una mistificazione per la classe sfruttata • Dalla Francia. Lo specchietto per le allodole del «cambiamento» di Mitterand • Gemellaggio democrazia-fascismo • Notizie assai «confortanti» • Il Vietnam «si riforma» • All’insegna del capitale • Ricordiamo il feroce massacro dei Comunardi! • La rivolta della fame in Andalusia • Vita di partito. Nuove pubblicazioni • La vertenza della Breda-Navalmeccanica, gli operai rifiutano l’accordo del sindacato • Lotte alla mensa universitaria di Firenze • Repressione a Marghera

 

Il Programma Comunista (1981/12)   

1981/13

Francia e Italia: due modi diversi di tendere allo stesso risultato, un nuovo patto sociale •Verso un salario riformato • Fantasmi e realtà della «rivoluzione islamica» • Marocco. Esplode la collera proletaria e plebea • «Armi dappertutto nelle zone minerarie e dinamite». I 74 giorni di sciopero dei minatori statunitensi • I minatori sempre in prima fila • Repressione antiproletaria in Iran • Ricetta della medicina economica cinese • La Polonia: punto nevralgico dell’ordine imperialistico mondiale (3-Fine). La borghesia polacca ha perso il suo romanticismo - La nuova fase della lotta operaia e le sue prospettive • Il PCF al governo. Dall’opportunismo alla collaborazione • Convegno nazionale contro la repressione - Milano, 30-31 maggio 1981 - Il nostro intervento • Note dal Petrolchimico di Marghera. Una densa assemblea extrasindacale

 

Il Programma Comunista (1981/13 

1981/14

La grande sfida lanciata dalla crisi della società borghese ai suoi affossatori •Dedicato al nuovo governo. La morale della storia… • Il significato dei morti di Casablanca • Giovani di colore e bianchi resistono rabbiosamente negli scontri in tutta l’Inghilterra • Fiat - Alfa Romeo. Ammortizzatori sociali all’opera • Dopo Taliercio • Orrore e ferocia del regime di Khomeini, illusioni dei suoi oppositori democratici • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo Perisca il mondo purchè viva il capitale • I compiti, multiformi ma inscindibili, del partito di classe. Tre fronti di una lotta unica - La lotta teorica e politica - La partecipazione alle lotte parziali - Il lavoro organizzativo - Per una concezione non limitativa dei compiti del partito - Contro l’economicismo • Filosofia del concreto • La popolazione di colore in Gran Bretagna. Anni di lotta e di organizzazione (4-Fine). Le condizioni di lavoro - Le lotte degli asiatici - Dal Mangrove Restaurant ai disordini di Brixton - Gli immigrati dal Bangladesh, il problema della casa e dell’autodifesa • Viva la lotta delle masse lavoratrici marocchine! [volantino di partito] • Il Marocco, al fondo del barile di polvere • I lavoratori iraniani e irakeni saranno uccisi con armi italiane • Primo comandamento borghese: non scioperare… • Morte da arma da fuoco, o da fame • Vita di partito: la nostra stampa internazionale. Il corso dell’imperialismo mondiale (programme comuniste) - Algeria e Marocco (el-oumami) - Le prolétaire, suppl. per la Svizzera • Non c’è “grandeur” più grande che quella di marca socialista

 

Il Programma Comunista (1981/14)   

1981/15

Prodromi di guerra e preparazione rivoluzionaria •Polonia, un anno dopo • Ci sarà il patto anti-inflazione a settembre? • Lo sciopero, grande accusato • L’altra faccia - quella proletaria - della Penisola Arabica • Fattori di crisi dell’«Autonomia operaia». Lo Stato degli autonomi - Impotente riformismo «dal basso» - L’autonomia e la ripresa della lotta di classe • All’Italia-bene, l’Ungheria piace più della Polonia • Il problema organizzativo al III° Congresso dell’Internazionale Comunista. Il centralismo democratico - Il dovere di lavoro dei comunisti - Propaganda e agitazione - Struttura del partito - Lavoro legale e illegale • Nostra stampa internazionale: El comunista • Lettera dalla Spagna. Le organizzazioni sindacali, prime al traguardo del patto sociale • Condizioni di vita e di lavoro, scioperi, agitazioni nel mondo • Ritorno al comunismo rivoluzionario di Marx e Lenin (Estratti dal «Manifesto del partito comunista internazionale 1981). 5. Lo Stato borghese non va democratizzato ma distrutto - 6. La società è più che matura per il comunismo • Lotte e contrasti di classe nel mondo • Manovre opportuniste e lotta per la casa • Errata corrige del n. 14 [sugli art. «La grande sfida lanciata dalla crisi della società borghese ai suoi affossatori» - «Non c’è “grandeur” più grande che quella di marca socialista»]

 

Il Programma Comunista (1981/15 

1981/16

Non è solo la spinta alla guerra a bussare alle porte meridionali dell’Europa: è anche la spinta alla lotta di classe •Qualche considerazione sulla lotta operaia in Polonia, un anno dopo. Lo Stato - Il partito - Il sindacato • Nella polveriera sociale africana. Zambia in fermento • Mentre i nuovi contratti si avvicinano. L’economia borghese al contrattacco contro il proletariato • Le prigioni, arnesi di tortura in tutti i paesi • Un monumento a Giuda • La teoria della convivenza pacifica • Lettera dal Brasile. Consenso nazionale o lotta di classe? • Il decalogo di ogni buon comunista • La congiuntura economica e sociale nel mondo • Eserciti pacificatori e missionari • L’Italia e i suoi rapporti di «buon vicinato» nel Mediterraneo • I disoccupati in Germania sfiorano gli 1,3 milioni. Tuttavia… • Nelle prigioni Algerine. La repressione colpisce gli organizzatori di scioperi • Sensibili oscillazioni nell’economia USA

 

Il Programma Comunista (1981/16)   

1981/17

Via dal mondo del lavoro e dalle sue lotte, Chiesa di Roma!Santificato il riformismo borghese ed operaio - Due universi agli antipodi • Il collaborazionismo di pace porta al pacifismo e al disarmo del proletariato di fronte alla guerra • Iran. I frutti amari della «rivoluzione islamica» • Aumenta la disoccupazione • Alcune considerazioni sulla questione-casa, sul movimento di lotta, sulle rivendicazioni specifiche e sul nostro intervento [estratti da una circolare di partito]. La questione della casa - Il movimento di lotta per la casa - Punto di incontro di diversi strati proletari e oppressi - Sull’occupazione di case - Altre rivendicazioni e forme di lotta - Problemi dell’intervento di partito • Bibliografia sulla questione casa (da «programma comunista») • Complotto «marxista» contro la «scienza». Premesse scientifiche della polemica - Parla il professore - Intervengono gli altri professori – Conclusione • Bomba N, missili da crociera e prospettive strategiche. Valutare in termini politici, non solo militari, scopi ed effetti della guerra - Gli arsenali si riempiono per la guerra imperialista che si sta preparando • Francia. Lavoratori «sans papiers», Le misure demagogiche del governo • Regolarizzazione di tutti i «sans papiers» [volantino di partito] • Nicaragua. Dall’autoregolamentazione dello sciopero alla sua «regolazione» forzata • Algeria. Solidarietà con i prigionieri politici • Sud Africa. Ancora sull’«altra guerra» • La nuova organizzazione del lavoro al Petrolchimico

 

Il Programma Comunista (1981/17 

1981/18

Il pacifismo è un’arma di preparazione alla guerra •Anche in Polonia l’illusione dell’autogestione operaia • Guardando al post-Sadat degli antagonismi di classe • Anche le superpotenze hanno le loro gatte da pelare • Un convegno contro la guerra • Proletari immigrati e «ospitalità» borghese.  Massacrati in patria, espulsi all’estero - L’ospite è sacro: attenzione, però! • Lettera dalla Germania. Malgrado la repressione, l’isolamento e il sabotaggio, sciopero duro dei marittimi colombiani • Contro la preparazione della guerra imperialistica prepara la rivoluzione proletaria.  I. Si è aperta l’era delle guerre e delle rivoluzioni - II. Sconfiggere la preparazione di guerra con la preparazione della rivoluzione proletaria - 6. La lotta contro il militarismo borghese e contro i preparativi della guerra imperialistica  [Nell’interno inserto pieghevole, pagg. 3 e 4] • Solidarietà proletaria e classista, non piagnistei umanitari, per gli «scioperanti della fame» • Lo stalinismo. La riapparizione di uno spettro • Nostra stampa internazionale. Proletarier • Lotte operaie, scioperi, inflazione, disoccupazione • Tra il personale delle navi traghetto l’agitazione non è cessata • Sullo sciopero dei lavoratori dell’AMT a Catania. Come si sono svolti i fatti in breve - Atteggiamenti dei lavoratori dell’ATM - Come si spiega allora questa sconfitta dei lavoratori dell’ATM - Atteggiamento dei confederali e del PCI - Azione del sindacato autonomo • I conti senza l’oste • Come vengono eseguiti gli sfratti in un comune «rosso» [Corrispondenza da Venezia]

 

Il Programma Comunista (1981/18  

1981/19

«Vince il cambiamento» •Polonia: la lotta operaia tra nuovi scogli e insidie • L’Oriente Medio e Vicino è tutto una polveriera • La falsa combattività dei sindacati • I proletari di fronte al “movimento per la pace” • Disoccupazione, inflazione… • Il corso del capitalismo mondiale e gli assi fondamentali d’intervento del Partito (circolare Ottobre 1981). Lineamenti essenziali della situazione mondiale nel corso dell’ultimo anno - Alcune conclusioni per quel che riguarda l’intervento del partito - Assi fondamentali di intervento del partito nel prossimo futuro - Note conclusive • Nuova Caledonia. L’imperialismo francese è ben vivo • Per il disarmo della borghesia e l’armamento del proletariato • La Cina borghese entra nella maggiore età • Il sindacato crumiro [corrispondenza da Venezia] • Un metodo ormai sperimentato di dissuasione

 

Il Programma Comunista (1981/19)   

1981/20

Il partito della pace •L’era della demagogia e della vuotaggine socialista • Polonia proletaria in corso di militarizzazione • Lo sciopero nazionale dell’industria del 23 ottobre • Dopo i disordini dell’estate inglese: necessità dell’autodifesa proletaria • Disoccupazione, inflazione, lotte sociali • America insegna. Gli affari sono affari - Retrocedere per fare un balzo • Dopo Cancun la fame come prima • Recensioni. Ernst Toller, «Una giovinezza in Germania» • Prospettive attuali del fronte di classe • Il militarismo e i conflitti internazionali al Congresso socialista internazionale di Stoccarda (1907) (1). Le diverse proposte di risoluzione - Il dibattito • Resoconto sommario dei temi trattati alla riunione internazionale di partito - 31 ott.-1 nov. ’81. La questione giovanile - Il partito e l’opera di definizione di tutta la sua attività • Algeria. La situazione in Cabila • Consolatevi senza-lavoro! • I due pesi e le due misure del “riformismo” messicano • Solidarietà con gli scioperanti della fame nelle carceri francesi • In margine ad un convegno su «casa e spazi collettivi» • Lotta contro un licenziamento alla Magneti Marelli • 20.000 infortuni, 50 morti sul lavoro nel solo Veneto • A Napoli fioccano altri arresti

 

Il Programma Comunista (1981/20)  

1981/21

Il fondo bellicista del neutralismo.Neutralismo e guerra - La parola d’ordine del «disarmo unilaterale» • Stati Uniti d’America. «Verso la peggior recessione del periodo post-bellico».  Calano gli occupati, i salari e, per ora, gli scioperi - Un altro grido d’allarme • O scala mobile o svendita contrattuale, La linea sindacale è senza alternative • Dicono lor signori i borghesi… Alla faccia della vittoria sulla fame - Neutralismo e militarismo Italietta guerriera • Vecchio e nuovo riformismo nelle lettere di Toni Negri • Dalle mille vie nazionali alle mille vie personali al socialismo • Il militarismo e i conflitti internazionali al Congresso socialista internazionale di Stoccarda (1907) (2-Fine). Le molte vie dell’opportunismo - Scende in campo la sinistra • Rettifiche alla traduzione delle risoluzioni francesi. Progetto di risoluzione Hervé - Risoluzione Guesde per la minoranza della delegazione francese - Progetto di risoluzione Vaillant-Jaurès per la maggioranza della delegazione francese • Sulla tattica del fronte di classe • Socialismo gollista • Il Medio Oriente dopo Sadat • Alcune considerazioni sullo sciopero alla British Leyland • Disoccupazione, inflazione • Sulla lotta dei detenuti a San Vittore • «L’ospite» è sacro, ma con riserva • Appunti sulla situazione scuola • Lavoratori precari in agitazione a livello nazionale • Bollettino Italsider

 

Il Programma Comunista (1981/21)  

1981/22

Nel covo ginevrino dei banditi imperialisti si gioca ai missili •Il pacifismo come religione • L’«universo carcerario» ovvero «la giustizia che punisce» • Il X congresso Cgil fra demagogia e realismo • I «bollettini di guerra» che ci entusiasmano • Sta per scoccare l’ora del Sud-Africa • «Contro la guerra», Di convegno in convegno, non un passo avanti • Tornado America • Riforme all’ungherese • Errata corrige del n. 21 [sugli art. “congresso di Stoccarda…” - “Alla faccia delle vittorie sulla fame” - “articolo su S. Vittore”] • L’apprendista stregone sulla via della guerra mondiale. Politica economica borghese in tempo di crisi: 1929-1981. Ieri. Le conseguenze inevitabili della sovrapproduzione - La prima reazione della borghesia - Il punto culminante della crisi dell’epoca imperialistica è la guerra mondiale – Oggi • America Latina. L’antimperialismo borghese è morto, Viva l’antimperialismo e l’internazionalismo proletario • La crisi morde anche ad Est • E’ uscito il nr. 16 del nostro bimestrale in lingua tedesca: Proletarier • Lotte per la casa e classe operaia. Dalla Germania • Abbasso anche l’ultima edizione del «socialismo conservatore o borghese» • Perché il fronte nazionale in Polonia si rompa • Aiutate la nostra stampa! • Lo sciopero grande accusato • Microconflittualità negli ospedali • Lotte sociali e tensioni nel mondo

 

Il Programma Comunista (1981/22)   

1981/23

La classe operaia polacca non si dà per vinta: tocca a noi darle una prova altrettanto generosa di solidarietà classista.Agosto 1980: la via in ascesa della forza e violenza organizzata della classe operaia - Autunno 1980 - autunno 1981: la via a precipizio della moderazione e del compromesso con la classe dominante - Dicembre 1981: Tornare anche solo per difendersi, alla lotta senza quartiere dell’agosto 1980 • Viva il proletariato polacco e la sua strenua lotta • Perché i proletari italiani e degli altri paesi non si mobilitano? • La borghesia mondiale unita contro gli operai polacchi • La lezione di Berlinguer • Ungheria: sei inefficiente? Fallisci! • Cina: il «socialismo» dell’arrangiarsi da sé • La crisi è il segnale della malattia cronica, non il certificato di morte, del capitalismo. Insicurezza, precarietà, miseria: a livelli ben più gravi del 1975 - Il salto di qualità fra la curva della recessione economica e sociale e la curva dell’avanzata rivoluzionaria di classe • Segni premonitori della ripresa di classe in Inghilterra • La disoccupazione in Inghilterra e in Germania • Inflazione, disoccupazione, lotte e tensioni sociali nel mondo • Senza-casa in lotta e repressione. Roma: riprendono le occupazioni di massa - «Lo sfratto» (foglio di agitazione) - Catania: bliz militare a S. G. Galero • Sottoscrizione per la difesa dei condannati di Blida • Rassegna della nostra stampa internazionale. el proletario - el comunista - kommounistikó prógramma - el-oumami

 

Il Programma Comunista (1981/23) 

 

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'