Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Mercoledì, 01 Aprile 2020

Dopo il congresso confederale (L’Ordine Nuovo, 13 luglio 1922)

L’Ordine Nuovo, 13 luglio 1922

La Centrale del Partito ha preso atto con vivo compiacimento dei risultati del Consiglio Nazionale Confederale di Genova. La votazione ottenuta dalla nostra mozione è stata falsata dalle solite mene dei dirigenti come la nostra stampa ha chiarito e seguiterà a dimostrare con inoppugnabili elementi di fatto. Le cifre ufficiali darebbero alle nostre forze la stessa proporzione che avevamo dopo il Consiglio di Verona, mentre, come risulta dalle votazioni numerosissime di forti organizzazioni, da allora il nostro inquadramento della G.G.L. si è notevolmente esteso. Il contegno dei compagni delegati componenti il Gruppo Comunista al Consiglio, è stato tale da imporre rispetto agli avversari ponendo in rilievo la forza e la serietà del nostro Partito, le cui direttive sono difese con fermezza e chiarezza.

La situazione creata dal Consiglio Confederale è ancora una situazione di equivoco. Si è voluto in esso porre come problema centrale quello della tattica parlamentare di un Partito ormai svalorizzato; problema che noi consideriamo pregiudizialmente, dal punto di vista della indispensabile denunzia del patto di alleanza tra Confederazione e Partito Socialista. Nello stesso tempo si sono volutamente trascurati i problemi riflettenti l’impiego della forza dei Sindacati nella lotta generale del proletariato stretto in un fronte unico di azione e di riscossa contro l’offensiva borghese. I comunisti hanno fatto tutto il loro dovere per sostenere la necessità dell’azione generale in difesa di tutto il proletariato e degli scioperanti metallurgici. Il Partito Comunista denunzia il contegno di tutte le frazioni avversarie che, ad eccezione dei Terzinternazionalisti e degli anarchici, sono complici del sabotaggio della proposta comunista reiteratamente presentata per la lotta generale e per il consolidamento dell’Alleanza del Lavoro; complici nel dimenticare la gravità della situazione di tutto il proletariato italiano e dei metallurgici scioperanti in particolare.

Poiché è stato deciso il Congresso della Confederazione, i comunisti si preparino alla lotta per affermarsi in esso e con aumentata energia. Tutti i comunisti si dedichino, sotto la guida del Comitato Sindacale Comunista alla campagna preparatoria. Un intenso lavoro dovrà essere fatto per il nostro postulato della effettiva e sincera consultazione delle masse, nelle Camere del Lavoro come nelle Federazioni.

Contemporaneamente dovrà svolgersi la propaganda per le nostre direttive fissate nei punti seguenti:

Sfiducia nei dirigenti confederali;

distacco da Amsterdam e adesione a Mosca;

denunzia del patto di alleanza col Partito socialista italiano;

unità organizzativa sindacale in Italia;

condanna della politica collaborazionista;

fronte unico proletario per l’azione generale e contro la reazione;

lotta contro il fascismo e per la rivendicazione del governo operaio.

Questa campagna non ha soltanto valore per le assisi congressuali, ma costituisce lo sviluppo naturale dell’organizzazione e della azione del nostro partito tra le grandi masse che ininterrottamente deve procedere verso l’obiettivo rivoluzionario, risollevando, inquadrando, sospingendo alla lotta i più vasti strati del proletariato.

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'