Mercoledì, 27 Gennaio 2021

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx a Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco. 


Partito Comunista D’italia Comunicato Del Comitato Esecutivo (Il Comunista, 31 maggio 1922)

(Il Comunista, 31 maggio 1922)

I comunisti e l’“Alleanza del Lavoro”

Si richiamano tutti i compagni alla stretta osservanza delle direttive del Partito circa l’Alleanza del Lavoro, contenuto nei noti comunicati e soprattutto nel manifesto del 12 marzo, e riassunto nel noto ordine del giorno più volte pubblicato.

In conformità delle stesse decisioni di tutti gli organismi che hanno costituita l’Alleanza, e dei comunicati ufficialmente diramati per essa dalla segreteria tenuta dal Sindacato ferrovieri, l’Alleanza del Lavoro si costituisce sia nazionalmente che localmente tra i soli organi sindacali, e solo questi sono rappresentati nei suoi Comitati sia centrale che locali.

I comunisti non devono dunque né chiedere né accettare di partecipare come delegati del Partito a riunioni di Comitati e di Convegni dell’Alleanza.

Vi devono invece partecipare i delegati degli organismi sindacali diretti da comunisti, che sono anche tenuti a prendere l’iniziativa della costituzione dell’Alleanza, ove questa non sia avvenuta ancora.

Ai comizi dell’Alleanza devono partecipare tutti i comunisti e le loro forze, ed ove non sia possibile che parlino compagni, delegati da organi sindacali, in ogni caso qualche comunista dovrà chiedere la parola.

Nei Comitati, nei Convegni, nei comizi, i nostri compagni devono sempre, e senza alcuna eccezione motivata da pretesi motivi di opportunità, presentare il suddetto ordine del giorno del Partito, che fissa le nostre direttive circa lo sciopero, i mezzi e la organizzazione dell’Alleanza del Lavoro.

Queste disposizioni sono impegnative per tutti i compagni, ed è superfluo avvertire che si procederà, in via disciplinare, contro quei compagni che non le osservassero. Nessun nuovo fatto o situazione può modificarlo, ma solamente eventuali nuove ufficiali comunicazioni della Centrale del Partito.

A cura degli organi del Partito si dia al presente comunicato la massima diffusione.

Il Comitato Esecutivo

Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'