Chi siamo

DISTINGUE IL NOSTRO PARTITO: La linea da Marx Lenin alla fondazione dell’Internazionale comunista e del Partito Comunista d’Italia; alla lotta della sinistra comunista contro la degenerazione dell’Internazionale; contro la teoria del socialismo in un Paese solo e la controrivoluzione stalinista; al rifiuto dei fronti popolari e dei blocchi partigiani e nazionali; la dura opera del restauro della dottrina e dell’organo rivoluzionario a contatto con la classe operaia, fuori dal politicantismo personale ed elettoralesco

Sedi di partito e punti di contatto

MILANO, via dei Cinquecento, 25, citofono: Ist. Prog. Com. (zona Corvetto; MM3; Bus 95) — lunedì ore 21,00 
MESSINA (nuovo punto di contatto), Piazza Cairoli - l’ultimo sabato del mese, dalle 16,30 alle 18,30)
ROMA, presso "Libreria Anomalia", via dei Campani, 73 — primo martedì del mese dalle 17,30 
TORINO,  Prossimo incontro pubblico a Torino sabato 14 gennaio 2017, ore 15,30, c/o Circolo ARCI CAP, corso Palestro 3/3bis
BOLOGNA, c/o Circolo Iqbal Masih, via dei Lapidari 13/L (Bus 11C) - secondo e ultimo martedì del mese, dalle 21,30 (Gli incontri di Bologna, sono momentaneamente sospesi. Non appena sarà possibile riprenderli, lo comunicheremo)
BENEVENTO, presso Centro sociale Asilo Lap31, Via Bari 1 - il primo Venerdì del mese, dalle ore 19.00.

Corrispondenza

Per la corrispondenza scrivere a:
Istituto Programma ComunistaCasella postale 272 - Poste Cordusio 20101, Milano.
Per brevi comunicazioni o per inviarci i vostri ordini (testi, giornali, articoli etc.) potete anche utilizzare il seguente indirizzo di posta elettronica
info@internationalcommunistparty.org
Contatti
Domenica, 17 Novembre 2019

Salvare il pianeta... Ma come?

Il clima che cambia, il CO2 che cresce, la plastica onnipresente, i pesticidi ed erbicidi, l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, la deforestazione e desertificazione di aree sempre più vaste, lo scioglimento dei ghiacciai, la cementificazione e mineralizzazione diffuse, le città intasate dal traffico, gli additivi e i veleni di ogni tipo in ciò che mangiamo… È giusto mobilitarsi, organizzarsi, scendere in piazza per contrastare la crescente distruzione dell’ambiente. Ed è giusto che i giovani, preoccupati per il domani, siano in prima linea. Ma metodi e obiettivi sono appropriati? E soprattutto: è davvero chiara, a chi si mobilita perché angosciato e soprattutto incazzato di fronte alle prospettive catastrofiche che ci vengono diffusamente presentate, l’origine di questa crescente distruzione?

 

Se non si comprende che alla radice di tutto ciò sta il modo di produzione capitalistico, dominato dalla legge del profitto e della competizione, della produzione per la produzione, dalla necessità di accumulare capitale per reinvestirlo nella produzione di altro capitale e così via all’infinito, se non si comprende questo meccanismo infernale che ci domina da almeno duecentocinquant’anni, allora si finisce per arrendersi alla disperazione impotente. Il capitalismo ha svolto un ruolo progressivo nel liberare l’umanità dal modo di produzione precedente, il feudalesimo, che, a fronte di un mercato ormai mondiale e di innovazioni tecnologiche epocali, era soltanto un intralcio allo sviluppo umano. Ma ora il capitalismo, che ha sottomesso tutto il mondo alle proprie leggi, è a sua volta diventato un intralcio, moltiplicando gli elementi distruttivi impliciti nelle sue stesse leggi di funzionamento (e non parliamo delle centinaia di guerre e guerricciole che, nel corso del ‘900, oltre ai due macelli mondiali, hanno massacrato intere popolazioni e devastato intere aree del pianeta, e continuano oggi a farlo con mezzi di distruzione sempre più sofisticati).

Che senso ha dunque rivolgersi, perché intervengano, agli Stati, ai governi e ai governanti, a istituzioni e organismi internazionali, che di questo modo di produzione sono gli strumenti, i rappresentanti, gli esecutori (e che sono ben felici che i giovani scendano in piazza, purché non mettano in discussione il loro regime e potere!)? Che senso ha immaginare piccole o grandi riforme che tuttavia lasciano intatti i fondamenti, gli ingranaggi, su cui si regge questo modo di produzione? Il pianeta non si salva così! Il modo di produzione capitalistico continuerà imperterrito a cercare di macinar profitti, a provocare crisi economiche e sociali paurose, a scatenare guerre sempre più sanguinose e distruttive, a distruggere le risorse del pianeta – non per la cattiveria di Tizio o Caio, ma perché così impongono le sue leggi e i suoi meccanismi di funzionamento.

Un attivista come Chico Mendes, che tutti gli ecologisti ricordano con ammirazione, scrisse (e quanti oggi se ne sono dimenticati!): “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”. Più chiaro di così!

Ai giovani che scendono in piazza e dimostrano contro il disastro ambientale, noi comunisti diciamo: Lasciate perdere il giardinaggio! Orientatevi verso la lotta di classe! Individuate i veri nemici! Battetevi con noi, non per mettere qualche pezza a un sistema ormai marcio, velenoso e avvelenato, ma per abbatterlo e instaurare finalmente la società senza classi, che avrà finalmente a cuore la terra!

Solo una prospettiva e una preparazione rivoluzionarie, attraverso la pratica e il lavoro politico sviluppati dal nostro partito sull’arco di decenni e decenni di battaglia aperta contro tutte le illusioni e delusioni, gli inganni e i tradimenti (compreso il falso comunismo della Russia stalinista e della Cina maoista), sempre a fianco dei proletari di tutti il mondo e a sostegno delle loro lotte nonostante le nostre esigue forze, solo questo potrà salvare il pianeta e la specie umana! Compito non facile, ma molto più urgente e necessario – oltre che, sì, appassionante!

                                                                                                                                

27 settembre 2019

 

Salvare il pianeta... Ma come?

Partito comunista internazionale

                                                                           (il programma comunista)

Incontri pubblici in evidenza

  • Milano 16/11/2019, ore 16,00 " Presentazione del quaderno n. 10: Perché la Russia non era socialista " presso Libreria Calusca, Via Conchetta 18
  • Torino,  Prossimo incontro a Torino 07-12-2019, dalle 15,00, c/o Bar "Pietro" Via San Domenico 34

International Press

 

                   

            N°4 - 2019                              N°05-2019                              N°3 - 2019

Recent publications

 

     
       

 


Informativa 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella pagina di policy & privacy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.  Per saperne di piu'